Salta il menu

Attivazioni Biologiche
5 Leggi Biologiche e non solo!

"Oops... non era cancro, dopo tutto!"

Perla saggia:
Se conosci ciò che è male
e seguiti a farlo,
commetti un peccato
che è difficile perdonare.

George I. Gurdjeff
di Sayer Ji
Articolo originale: http://www.greenmedinfo.com/blog/oops-it-wasnt-cancer-after-all-admits-national-cancer-insitutejama
Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

Dopo decenni di errate diagnosi ed errati trattamenti del cancro, e milioni di danneggiati, il National Cancer Institute e importanti giornali cone il JAMA, hanno ammesso finalmente che erano in errore.

Torniamo al 2012, il National Cancer Institute ha raggruppato un meeting di esperti per valutare il problema degli errori di classificazione del cancro e le susseguenti overdiagnosi e overtrattamenti, stabilendo che milioni di persone possono aver avuto un errore diagnostico di "cancer" della mammella, della prostata, della tiroide e del polmone, quando nei fatti le loro condizioni erano piuttosto buone e avrebbero potuto essere chiamati “accrescimenti benigni e indolenti di origine epiteliale". Nessun pentimento fu mostrato. Nessun media di rilievo ritenne di farlo sapere al largo pubblico. E più importante, nessun radicale cambiamento è stato intrapreso nella pratica della diagnosi, prevenzione e trattamento del cancro.
Essenzialmente, in una manciata di parole molto efficaci, alla popolazione globale che pensava di avere un "cancro letale" e che era stata successivamente trattata per questo, spesso con procedure e trattamenti violenti, si sarebbe dovuto dire "oops...ci siamo sbagliati. Non avete mai avuto il cancro, dopo tutto."

Se date un'occhiata al problema solamente per quanto riguarda il cancro alla mammella, sovradiagnosticati e sovratrattati negli USA nei passati 30 anni, è stato stimato che approssimativamente 1.3 milioni di donne sono state erroneamente trattate. La maggior parte di queste donne non ha idea di essere state delle vittime e molte di esse si sono identificate con il loro aggressore in una sorta di Sindrome di Stoccolma, perché ritengono che "le loro vite sono state salvate" da un trattamento non necessario, quando nei fatti gli effetti collaterali, sia fisici che psicologici, hanno quasi certamente ridotto sia la qualità che la durata della loro vita.

Quando il rapporto NSC è stato rilasciato, è stata una sorta di rivincita per coloro che sostenevano la posizione per cui una forma comunemente diagnosticata del cosiddetto "cancro al seno in fase iniziale", noto come il carcinoma duttale in situ, non fosse intrinsecamente maligna e non dovevano per forza subire i trattamenti convenzionali di mastectomia parziale, mastectomia, radioterapia e chemioterapia.

Mi sono basato sulla ricerca disponibile sulla storia naturale del carcinoma duttale in situ, e sul tasso di sopravvivenza estremamente elevato da carcinoma duttale in situ, così come sul fatto che la mortalità correlata al cancro al seno non era scesa di pari passo con l'espansione della cosiddetta fase "zero" o "early stage" dei cancri rilevati attraverso proiezioni mammografiche, come ci si sarebbe aspettato se queste diagnosi in realtà rappresentassero entità cliniche nocive.
Da allora, ho visto da vicino il problema della sovradiagnosi e trattamento eccessivo. Ottengo aggiornamenti quotidiani dal pubmed.gov sul tema, e sempre più riviste stanno facendo segnalazioni su questo fenomeno altamente preoccupante. Particolarmente rilevante è una recensione pubblicata alla fine dello scorso anno, che ho riportato nel mio articolo intitolato, "Astounding Number of Medical Procedures Have No Benefit, Even Harm - JAMA Study."

Lo studio JAMA ha trovato che una vasta gamma di procedure mediche standard e gli interventi a cui milioni di persone sono state sottoposte ogni anno, non sono basate sull'evidenza, come comunemente si crede, e non solo hanno poco o nessun beneficio, ma possono anche causare danni significativi. Di conseguenza, ora credo che una buona medicina spesso debba basarsi sul fare il meno possibile. Penso anche che le persone debbano essere consapevoli che qualsiasi diagnosi convenzionale di cancro ha la capacità di esercitare un danno letale tramite l'effetto nocebo, a prescindere dalla sua accuratezza (vale a dire che anche una diagnosi errata può avere conseguenze letali, in ragione del potere delle credenze).

Un altro argomento di cui ho cercato di diffondere la consapevolezza è la sovradiagnosi di cancro alla tiroide e il suo trattamento eccessivo. Quando ho riferito su questo due anni fa nel mio articolo, "Thyroid Cancer Epidemic Caused by Misinformation, Not Cancer", una serie di studi interessanti da tutto il mondo ha rivelato che il rapido aumento delle diagnosi di cancro alla tiroide rifletteva i loro errori di classificazione e di diagnosi. Come è avvenuto con lo screening di rilevazione per i "tumori" di mammella e prostata e anche molti "tumori" ovarici, lo standard di cura spesso richiede la rimozione dell'organo, così come l'irradiazione e la chemioterapia - due note cause del cancro.

Come è tipico di ogni ricerca che mina lo standard convenzionale di cura, c'è stata poca enfatizzazione sul tema.
Cioè, fino ad ora.

Il 14 aprile, in un articolo intitolato "Its Not Cancer: Doctors Reclassify a Thyroid Tumor", il New York Times ha riportato, su un nuovo studio pubblicato su JAMA Oncology, che dovrebbe cambiare per sempre il nostro modo di classificare, diagnosticare e trattare la comune forma di "cancro alla tiroide":
Un gruppo internazionale di medici ha deciso che un tipo di tumore che è stato classificato come un cancro non è affatto un cancro.
Come risultato, hanno ufficialmente declassato la condizione, e migliaia di pazienti sarà risparmiato dalla rimozione della loro tiroide, dal trattamento con iodio radioattivo e dai controlli regolari per il resto della loro vita, tutto per proteggere contro un tumore che non è mai stato una minaccia.
La loro conclusione, e il dato che ha portato ad esso, è stato segnalato Giovedi nella rivista JAMA Oncology. La modifica dovrebbe influenzare circa 10.000 dei circa 65.000 pazienti affetti ogni anno da cancro alla tiroide negli Stati Uniti.
Il tumore riclassificato è un piccolo nodulo nella tiroide che è completamente circondata da una capsula di tessuto fibroso. Il suo nucleo appare come un cancro, ma le cellule non hanno violato la loro capsula, e la chirurgia per rimuovere tutta la tiroide seguita da trattamento con iodio radioattivo è inutile e dannosa, ha detto il gruppo. Ora hanno ribattezzato il tumore. Invece di chiamarla variante follicolare incapsulata del carcinoma tiroide papillare, verrà ora chiamato "neoplasia tiroidea follicolare non invasiva, con caratteristiche nucleare papillaro-simili", o NIFTP. La parola "carcinoma" è scomparsa.
Molti esperti di cancro hanno detto che la riclassificazione era attesa da tempo. Per anni ci sono state richieste di declassare piccole lesioni della mammella, del polmone e della prostata, tra gli altri, e di eliminare il termine "cancro" dal loro nome. Ma a parte la ridenominazione di un tumore delle vie urinarie in fase iniziale nel 1998, alle ovaie in fase iniziale e lesioni cervicali, più di due decenni fa, nessun gruppo diverso da quelli degli specialisti della tiroide ha ancora fatto il grande passo.
In realtà, ha detto il dottor Otis Brawley, direttore medico presso l'American Cancer Society, il cambiamento del nome va verso la direzione opposta, le prove scientifiche al contrario. Piccoli noduli precancerosi al seno è divenuto noto come il cancro fase zero. Piccole lesioni in fase iniziale della prostata sono stati chiamati tumori cancerosi. Nel frattempo, l'imaging con ultrasuoni, risonanza magnetica e TAC trovano sempre più di questi piccoli "tumori", noduli tiroidei in particolare.
"Se non è un cancro, cerchiamo di non chiamarlo cancro", ha detto il Dr. John C. Morris, presidente eletto della American Thyroid Association e professore di medicina presso la Mayo Clinic. Il Dr. Morris non era un membro del gruppo di ridenominazione.
Dr. Barnett S. Kramer, direttore della divisione di prevenzione del cancro presso il National Cancer Institute, ha detto, "C'è una crescente preoccupazione che molti dei termini che usiamo non corrispondono alla nostra comprensione della biologia del cancro." Chiamare cancro lesioni che non lo sono, porta a un trattamento inutile e dannoso, ha detto.

L'articolo continua a discutere del fatto che mentre alcuni dei principali centri medici stanno iniziando a trattare i tumori della tiroide incapsulati in modo meno aggressivo, questa non è ancora la norma nel resto del paese. Questo dimostra che c'è un vasto ritardo tra le prove basate sull'evidenza e la pratica clinica della medicina, che è quindi molto meno "evidence-based" come comunemente richiesto e/o presunto.
Chiaramente, la verità sulla vera natura del cancro e i travisamenti dell'industria del cancro, sta cominciando a venire alla luce attraverso le stesse istituzioni come JAMA e i principali media che sono stati responsabili, storicamente, della genesi di tante idee sbagliate comunemente riguardanti questo tema.

Riassunto : Home →→ Articoli → "Oops... non era cancro, dopo tutto!"
Utilità : Torna in alto
Aiuto | Info | Contatti
Sito web divulgativo, nessun diritto riservato.
I contenuti del sito sono di libero utilizzo
CSS3 | HTML 5