Salta il menu

Attivazioni Biologiche
5 Leggi Biologiche e non solo!

Il Dizionario*

Allucinazioni

L'allucinazione è una falsa percezione in assenza di uno stimolo esterno reale. È spesso definita in psicopatologia "percezione senza oggetto". In psicopatologia le allucinazioni vengono classificate fra i disturbi della percezione e sono distinte dalle allucinosi e dalle illusioni. Le allucinazioni si possono verificare in ognuna delle modalità sensitive, in particolare riconosciamo allucinazioni visive, uditive, gustative, olfattive e tattili e fenomeni allucinatori cenestesici, enterocettivi e protopatici.

Al contrario dell'illusione che interpreta erroneamente uno stimolo realmente esistente, l'allucinazione riscontra uno stimolo esterno che non esiste assolutamente. Ad esempio una persona sente una voce, senza che vi sia uno stimolo sonoro.
Le allucinazioni vengono distinte da alcuni psicopatologi in allucinazioni vere e proprie e in allucinosi. Se un soggetto dice di vedere un leone e si comporta in modo congruo, cercando per esempio di fuggire è vera allucinazione, ma se questa allucinazione viene "criticata" (ovvero messa in discussione) dal soggetto e ritenuta impossibile, la persona è in stato di allucinosi. Altri studiosi parlano di allucinosi solo quando l'origine del fenomeno è da attribuirsi ad una malattia o ad una sostanza, solitamente l'alcool.
Nel caso di un'allucinazione visiva, esso ripropone un'immagine sovrapposta allo sfondo reale esistente, e poiché questo meccanismo è inconsapevole, il soggetto non ha motivo di non credere che sia reale, parliamo quindi di un realismo sensoriale, forma primaria di conoscenza, la quale dà per scontato l'attendibilità della percezione sensoriale. L'allucinazione può adempiersi in risposta ad una condizione emotiva di desiderio o angoscia.


• Secondo le 5 Leggi Biologiche

Secondo le 5LB le allucinazioni sono per lo più segnali di una costellazione della corteccia cerebrale, quindi ectodermica. In questa costellazione la percezione allucintoria avviene in corso di conflitto attivo o di Crisi Epilettoide. A seconda dei relè coinvolti si possono avere:

In ogni caso si tratta di conflitti di separazione sia in senso di privazione (separazione brutale da un contatto desiderato) o di impossibilità a distaccarsi dal contatto indesiderato (contatti violenti e indesiderati con odori, suoni, percezioni, immagini). Trattandosi di costellazioni, la soluzione delle medesime può richiedere un grosso impegno ed è necessario valutare bene la modalità di risoluzione conflittuale. Non va dimenticato che la costellazione schizofrenica è un metodo usato dalla Natura per salvaguardare l'individuo e se la lesione organica, durante la costellazione, è limitata, con la soluzione di uno dei conflitti l'alterazione organica dell'organo ancora in stato conflittuale attivo può ripartire e causare seri problemi.
La soluzione delle Costellazioni Schizofreniche deve essere affrontata sotto un controllo medico adeguato.

Riassunto : Home →→ Malattie e Sintomi → Allucinazioni
Utilità : Torna in alto
Aiuto | Info | Contatti
Sito web divulgativo, nessun diritto riservato.
I contenuti del sito sono di libero utilizzo
CSS3 | HTML 5