Salta il menu

Attivazioni Biologiche
5 Leggi Biologiche e non solo!

Cancro:
Un evento incompreso

Questa pagina ha solo finalità informative ed educative.
È fortemente consigliato avere una conoscenza basica delle → 5 Leggi Biologiche, in modo che le informazioni siano di più facile comprensione.
Queste pagine non sostituiscono in alcun modo il consulto con medici specialisti oncologi.
Non sono contenuti suggerimenti su terapie o rimedi utili al trattamento del singolo caso. A tali fini si suggerisce la consultazione di operatori di dimostrata e affidabile preparazione.
Si declinano responsabilità di qualsiasi genere in relazione ad un uso improprio dei contenuti di questa pagina.

Cancro a orifizio e collo dell'utero, e della vagina

Tratto da: The Merck Manual of Diagnosis & Therapy, 19th Edition (2011)
Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

Il cancro della cervice uterina è solitamente un carcinoma a cellule squamose (ectoderma n.d.t.), causati da una infezione da Papilloma Virus umano [1]; meno spesso è un adenocarcinoma. La neoplasia della cervice è asintomatica; il primo sintomo di un cancro iniziale è solitamente irregolare, spesso è presente un sanguinamento post-coitale.
La diagnosi avviene con il Pap-test e la biopsia. La stadiazione è clinica e il trattamento solitamente prevede la resezione chirurgica o la radio e chemioterapia. Se sono presenti delle metastasi, la chemioterapia è l'unica scelta.
I fattori di rischio comprendono:

Altri fattori possono essere il fumo di sigaretta o una immunodeficienza.

Patologia

La cervical intraepithelial neoplasia (CIN) è classificata come 1 (displasia cervicale media), 2 (moderata displasia), o 3 (severa displasia e carcinoma in situ). Il CIN 3 difficilmente regredisce spontaneamente; se non trattato, nel corso dei mesi o degli anni, penetra la membrana basale, diventando carcinoma invasivo.
Circa l'80-85% di tutti i cancri della cervice sono carcinomi squamocellulari; la maggior parte degli altri sono adenocarcinomi. I Sarcomi ed i neuroendocrini a piccole cellule sono rari.
Il cancro cervicale invasivo solitamente si diffonde direttamente nei tessuti limitrofi o per via linfatica ai linfonodi pelvici e paraortici [2]. La via ematica è possibile, ma rara.

Sintomi e segni

La CIN è solitamente asintomatica. Il primo sintomo è solitamente un sanguinamento vaginale irregolare, che interviene dopo un rapporto, ma anche spontaneamente tra i cicli. Le masse più grandi sanguinano maggiormente e possono esserci perdite vaginali maleodoranti o dolore pelvico. Invasioni estese possono coinvolgere gli ureteri, causare dolore alla schiena e gonfiore alle gambe per interessamento delle vene e dei vasi linfatici.

Diagnosi

Il cancro cervicale può essere diagnosticato durante una visita di routine. È da tenere presente in donne con:

La CIN è solitamente evidente con un Pap test, ma circa il 50% delle persone con un carcinoma della cervice, non ha eseguito il pap-test per più di 10 anni.
La stadiazione avviene in base alla biopsia, all'esame fisico ed al risultato della radiografia al torace.

Prognosi

Nella variante a cellule squamose, le metastasi solitamente avvengono solo quando il cancro è in stadio avanzato o recidivante. I tassi di sopravvivenza a 5 anni sono come segue: Praticamente l'80% delle recidive si manifesta entro i due anni. Fattori prognostici avversi comprendono il coinvolgimento linfonodale, tumori di ampia larghezza, invasione del tessuto stromale cervicale, invasione parametriale, invasione dello spazio vascolare ed una istologia di cancro non squamoso.

Trattamento

Se l'isterectomia fosse la scelta ideale, ma la paziente non la tollera, è indicata radio e chemioterapia.

Prevenzione


• Secondo le 5 Leggi Biologiche

La mucosa del collo, dell'orifizio uterino e della vagina è di derivazione ectodermica e viene attivata da relè della corteccia cerebrale che si trovano nell'area perinsulare della corteccia cerebrale sinistra. Il conflitto alla base di questa manifestazione è quello di frustrazione sessuale, che origina dal fatto di non sentirsi posseduta, ma anzi rifiutata o non desiderata; il proprio uomo ha preferito un'altra; sentirsi trascurata sessualmente; mancanza di figli e/o di rapporti sessuali.
Tale conflitto può essere correlato a disturbi coronarici o della conduzione a carico del cuore destro o con embolia polmonare destra.
In fase CA si ha la produzione di ulcerazioni della mucosa per favorire la penetrazione e l'entrata dello sperma nell'utero. Compare l'amenorrea.
Queste ulcerazioni sono asintomatiche. Nella fase PCL queste ulcerazioni vengono riparate con la comparsa di sanguinamenti e ricompare l'ovulazione e il flusso mestruale.

Tratto da: DICCIONARIO DE BIODESCODIFICACION

Conflitto: Conflitto di frustrazione sessuale, vissuta come sporca. (In base alla intensità del conflitto) Marito, amante... Può anche essere simbolico. Senso di perdita di territorio.
Risentito: «Non sono in contatto con il mio partner o non sono desiderata». «Non ho più il contatto perchè l'ho perduto». «Non appartengo a nessuno». «Desidero essere posseduta»
Nella donna destrimane (o nella donna mancina in costellazione schizofrenica, menopausa o amenorrea): Conflitto sessuale di vedersi privata della copulazione e conflitto di territorio. Conflitto di non poter consumare l'atto sessuale. Conflitto di perdita di territorio, sempre dal punto di vista affettivo.


Legenda delle sigle: CA = Conflitto Attivo; PCL = PostConflittoLisi; CE = Crisi Epilettoide; SB = Senso Biologico;

Riassunto : Home →→ Oncologia → Cancro a orifizio e collo dell'utero, e della vagina
Utilità : Torna in alto
Aiuto | Info | Contatti
Sito web divulgativo, nessun diritto riservato.
I contenuti del sito sono di libero utilizzo
CSS3 | HTML 5