Salta il menu

Attivazioni Biologiche
5 Leggi Biologiche e non solo!

Cancro:
Un evento incompreso

Questa pagina ha solo finalità informative ed educative.
È fortemente consigliato avere una conoscenza basica delle → 5 Leggi Biologiche, in modo che le informazioni siano di più facile comprensione.
Queste pagine non sostituiscono in alcun modo il consulto con medici specialisti oncologi.
Non sono contenuti suggerimenti su terapie o rimedi utili al trattamento del singolo caso. A tali fini si suggerisce la consultazione di operatori di dimostrata e affidabile preparazione.
Si declinano responsabilità di qualsiasi genere in relazione ad un uso improprio dei contenuti di questa pagina.

Tumori ipofisari

La maggior parte dei tumori dell'ipofisi sono adenomi. I sintomi comprendono cefalee ed endocrinopatie; queste derivano da tumori che producono ormoni o che distruggono le cellule che producono ormoni. La diagnosi avviene con la RMN. Il trattamento include la correzione delle endocrinopatie e l'ablazione chirurgica, la radioterapia o gli antagonisti dopaminergici.

La maggior parte dei tumori pituitari e della regione sovrasellare, sono adenomi. Raramente i tumori dell'ipofisi sono carcinomi. I meningiomi, i craniofaringiomi, le metastasi e le cisti dermoidi possono svilupparsi nella regione della sella turcica.
Gli adenomi possono essere secernenti o non-secernenti. Quelli secernenti producono ormoni ipofisari; molti adenomi ipofisari sono meno di 10mm di diametro (microadenomi). Quelli secernenti possono essere classificati in base alle caratteristiche istologiche (acidofili, basofili, cromofobi). Gli ormoni prodotto sono spesso correlati a queste caratteristiche; gli adenomi acidofili iperproducono ormoni della crescita e i basofili iperproducono ACTH. L'ormone iperprodotto con più frequenza è la prolattina.
Qualsiasi tumore che cresca al di fuori dell'ipofisi può comprimere il nervo ottico, compreso il chiasma ottico. I tumori possono comprimere o distruggere il tessuto ipofisario o ipotalamico, invalidando la produzione di ormoni o la loro secrezione.

*

Sintomi e segnali

La cefalea può derivare da un allargamento dell'adenoma ipofisaro, anche quando la pressione endocranica non risulti aumentata. Manifestazioni visive come la emianopsia bitemporale, atrofia del nervo oculare monolaterale e emianopsia controlaterale, possono manifestarsi se un tumore comprime il tratto del nervo ottico.

Molte persone si presentano con una endocrinopatia data da eccesso o diminuzione ormonale: Raramente una emorragia all'interno dell'ipofisi causa apoplessia pituitaria, con cefalea improvvisa, paralisi oculare e perdita visiva.

Diagnosi

I tumori ipofisari sono da sospettare in persone con improvvisa cefalea, con le caratteristiche alterazioni visive o con endocrinopatie.

Trattamento

Le patologie endocrine vanno trattate.
I tumori ipofisari che producono ACTH, ormone dell'accrescimento o tiro-stimolante, sono asportati chirurgicamente, solitamente con approccio transsfenoidale. Talvolta, per i tumori chirurgicamente non accessibili, si usa la radioterapia.


• Secondo le 5 Leggi Biologiche

Anzitutto occorre fare la distinzione tra adenoipofisi, o ipofisi anteriore, e neuroipofisi o ipofisi posteriore. La prima ha a che fare con i tessuti di derivazione endodermica, legati al conflitto biologico del boccone. La seconda ha relazioni con i tessuti ectodermici che rispondono a conflitti di separazione.

Gli SBS che colpiscono l'adenoipofisi sono quelli del boccone, ovvero determinati dalla percezione della persona che non è abbastanza alta per raggiungere il boccone ambito (avere bisogno di essere all'altezza giusta). È anche possibile che la persona percepisca il conflitto di non poter alimentare a sufficienza i componenti del proprio nido (sentito di bisogno materiale).
Nella fase attiva del conflitto si ha crescita del tessuto adenoipofisario, in funzione di rispondere al conflitto. Si tratta di tessuto istologicamente diverso da quello normale, proprio per rispondere all'urgenza di avere più ormoni per crescere più rapidamente e di più. Se la persona non avesse avuto il sentito di insufficienza fisica, questo fenomeno non sarebbe stato necessario.
Se il conflitto viene risolto, proprio con un maggiore accrescimento fisico, il programma passa alla fase della PCL. L'adenoma ipofisario smette di crescere e per lo più non si hanno manifestazioni sintomatiche. Solo dopo la crisi epilettoide si verifica l'incistamento dell'adenoma o la sua defunzionalizzazione.
Se si hanno diverse recidive di questo conflitto, o se il primo conflitto è molto intenso e duraturo, l'adenoma può raggiungere dimensioni tali da determinare modificazioni osse della sella turcica o altri sintomi legati alle formazioni neurologiche circostanti.

Legenda delle sigle: CA = Conflitto Attivo; PCL = PostConflittoLisi; CE = Crisi Epilettoide; SB = Senso Biologico; MU = Medicina Ufficiale

Riassunto : Home →→ Oncologia → Tumori ipofisari
Utilità : Torna in alto
Aiuto | Info | Contatti
Sito web divulgativo, nessun diritto riservato.
I contenuti del sito sono di libero utilizzo
CSS3 | HTML 5