Salta il menu

Attivazioni Biologiche
5 Leggi Biologiche e non solo!

Cancro:
Un evento incompreso

Questa pagina ha solo finalità informative ed educative.
È fortemente consigliato avere una conoscenza basica delle → 5 Leggi Biologiche, in modo che le informazioni siano di più facile comprensione.
Queste pagine non sostituiscono in alcun modo il consulto con medici specialisti oncologi.
Non sono contenuti suggerimenti su terapie o rimedi utili al trattamento del singolo caso. A tali fini si suggerisce la consultazione di operatori di dimostrata e affidabile preparazione.
Si declinano responsabilità di qualsiasi genere in relazione ad un uso improprio dei contenuti di questa pagina.

Carcinoma squamocellulare della bocca

Tratto da: The Merck Manual of Diagnosis & Therapy, 19th Edition (2011)
Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

Il carcinoma squamocellulare della cavità orale affligge un numero abbastanza ridotto di persone ogni anno. Il 95% sono fumatori, consumatori di alcool o entrambi. All'inizio le lesioni curabili sono scarsamente sintomatiche. Il trattamento è rappresentato da asportazione chirurgica e radioterapia, per lo più combinate. La sopravvivenza a 5 anni è superiore al 50%.
Il carcinoma a cellule squamose è il più comune cancro orale o faringeo ed il più comune per quanto riguarda testa e collo in generale.
Il maggior fattore di rischio per il carcinoma squamoso orale è il fumo (specialmente se si superano i due pacchi al giorno) ed il consumo di alcool. La combinazione tra il fumo ed il bere alcoolici sembra elevare il rischio di 100 volte per le donne e 38 volte per gli uomini [1]. Il carcinoma squamocellulare della lingua sembra essere il risultato di una irritazione cronica, come la carie dentaria, abuso degli sciacqui orali, masticazione del tabacco, ecc. Il papillomavirus (HPV) orale umano, tipicamente acquisito con il sesso orale [2], sembra avere un ruolo nella eziologia.

Sintomi e segnali

Le lesioni orali sono inizialmente asintomatiche. Le lesioni possono apparire come aree di eritroplachia o leucoplachia e possono essere esofitiche o ulcerate. I tumori sono spesso induriti e fissi, con bordi arrotondati. Il carcinoma tonsillare si manifesta di solito con un gonfiore asimmetrico e bruciore alla gola, con dolore irradiato all'orecchio omolaterale. Una massa metastatica nel collo può essere il primo segnale, specialmente nei carcinomi tonsillari.

*

Diagnosi

Laringoscopia, broncoscopia ed esofagoscopia sono eseguiti per visualizzare la presenza di tumori primari.

Prognosi

Se il carcinoma della lingua è localizzato (i linfonodi non sono coinvolti), la sopravvivenza a 5 anni è superiore al 50%. I carcinomi delle pareti della bocca hanno una sopravvivenza a 5 anni di oltre il 65%. Il coinvolgimento dei linfonodi fa decrescere la sopravvivenza di circa il 50%.
Per i carcinomi del labbro inferiore la sopravvivenza è del 95% e le netastasi sono rare. Quelli del labbro superiore sono più aggressivi e metastatici. Per i carcinomi del palato e delle tonsille. la sopravvivenza a 5 anni è del 65% se il trattamento avviene prima del coinvolgimento dei linfonodi. I carcinomi orofaringei associati all'HPV hanno una prognosi migliore.

Trattamento

Asportazione chirurgica e radioterapia.


• Secondo le 5 Leggi Biologiche

L'epitelio pavimentoso della cavità orale appartiene ai tessuti di derivazione ectodermica. Questi tessuti risentono di conflittualità legate ai contatti, in cui il sentito può essere di mancanza di contatto o di non poter evitare il contatto, per il quale si prova repulsione.
Nella fase attiva del conflitto lo strato epidermico si ulcera in modo del tutto asintomatico, in modo da poter sopportare la mancanza di contatto o il contatto non voluto. Lo schema di sensibilità è quello della cute esterna, quindi la fase ulcerativa è silente.
Stante che si tratta delle mucose linguali e orali, il conflitto è riferito a qualcosa per cui si prova repulsione, il sentito può essere quello di non poter evitare il contatto con certe sostanze o con qualcosa che si vuole tenere lontano. Può essere riferito a cibi, sostanze chimiche o stimoli derivati da denti cariati o apparecchi dentari che si vorrebbero evitare.
Quando il conflitto viene risolto, lo strato spinoso viene riparato e nella fase A della PCL si può presentare rossore, prurito, gonfiore e/o dolore.
Nella fase B della PCL la mucosa tende a guarire e i sintomi scompaiono.
Le numerose recidive od il forte conflitto iniziale, possono portare all'eccesso tissutale di riparazione.


Legenda delle sigle: CA = Conflitto Attivo; PCL = PostConflittoLisi; CE = Crisi Epilettoide; SB = Senso Biologico;

Riassunto : Home →→ Oncologia → Carcinoma squamocellulare della bocca
Utilità : Torna in alto
Aiuto | Info | Contatti
Sito web divulgativo, nessun diritto riservato.
I contenuti del sito sono di libero utilizzo
CSS3 | HTML 5