Attivazioni Biologiche

A proposito di...

Acquista >
Bio-Pedia
Humana

Naso e Olfatto

La narice o appendice nasale si colloca nella parte mediana del viso ed è divisa in due compartimenti o narici, o camere nasali, le quali sono divise longitudinalmente da un setto, detto setto nasale. Ha una forma di piramide triangolare, con il vertice collocato tra i due occhi.
La piramide nasale è formata da ossa, cartilagine dura (come la parte anteriore del setto nasale, chiamata cartilagine quadrangolare) e cartilagini molli (come quelle delle ali e delle fosse nasali che alla loro congiunzione formano la punta nasale). Queste strutture, i muscoli e il tessuto cellulare sottocutaneo, sono ricoperte di pelle.

Se si paragonano le fosse nasali con figure geometriche, si possono descrivere quattro pareti: parete superiore, inferiore, interna ed esterna. Presentano anche due orifizi: anteriore o piriforme, posteriore o coana. Possiedono dei peli che filtrano l'aria ed il loro interno è tappezzato da tessuto epiteliale speciale, chiamato mucosa pituitaria. Questo tessuto è ciliato (le ciglia permettono che l'aria si diriga verso il faringe) e presenta ghiandole secernenti muco, il quale capta la polvere e l'umidità dell'aria. La mucosa pituitaria è vascolarizzata, il che permette che l'aria che entra venga riscaldata. Nella regione posteriore, la mucosa possiede terminazioni nervose che captano gli odori.

L'olfatto

L'olfatto può definirsi come la chemioricezione di sostanze trasportate dall'aria. Tuttavia, affinché possano essere riconosciute, queste sostanze devono per prima cosa dissolversi nello strato acquoso del muco che riveste l'epitelio olfattivo.
Negli esseri umani, questo epitelio collocato dentro la narice è molto sottile. La superficie che riveste ogni passaggio nasale ha un'ampiezza di un francobollo ed ognuna di queste aree contiene 50 milioni di cellule recettrici.
Comunque il nostro olfatto non è sviluppato come quello di altri animali, possiamo discriminare circa 10.000 odori differenti. Gran parte di quelli che chiamiamo "sapore del cibo" è in realtà il risultato di sostanze volatili che si dirigono al nostro epitelio olfattivo.
I chemiorecettori dell'olfatto sono ubicati nella zona olfattiva della mucosa pituitaria, che ricopre l'interno delle fosse nasali. Le cellule olfattive sono neuroni modificati. In una delle sue estremità sono presenti da 6 a 12 ciglia, che sono prolungamenti dendritici capaci di captare le particelle che si disperdono da una sostanza aromatica.

Tratteremo il calo della percezione olfattiva.

Significato delle sigle:
  • CA = Conflitto Attivo: ovvero il periodo in cui la persona è in lotta per risolvere il suo problema. Detto anche Simpaticotonia;
  • PCL = PostConflittoLisi: ossia quando la persona ha risolto il suo problema e si avvia al riposo dopo la lotta. Detto anche Vagotonia;
  • CE = Crisi Epilettoide: ossia un periodo di breve durata, nel quale si manifestano i sintomi più sgradevoli. Prevale la Simpaticotonia;
Iscriviti al Bollettino Novità - Invia il tuo indirizzo E-mail a giorgiobeltrammi@gmail.com

Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione Paypal