Attivazioni Biologiche

A proposito di...

Acquista >
Bio-Pedia
Humana

Piattole

Secondo la Medicina Ufficiale

Il pidocchio del pube (Phthirus pubis) detto anche "piattola" non porta alcuna infezione ma rientra nel capitolo delle Malattie Sessualmente Trasmesse "minori". È stato riscontrato che il 38% dei pazienti con piattole può essere stato contagiato anche da un'altra malattia venerea "maggiore" (es. Sifilide, Uretriti, Gonorrea, Condilomi, ecc).
Il pidocchio del pube è grande circa 1x1,5 mm, ha forma triangolare, colore bruno ed è abbastanza schiacciato tanto da essersi guadagnato il nome di piattola.
Con i suoi uncini si aggrappa ad una coppia di peli vicini per poter inserire nella pelle il suo apparato buccale e succhiare sangue rimanendo attaccato per un po' di tempo.
L’unico disturbo è il prurito nelle sedi interessate che insiste specie di notte. Non inizia contemporaneamente al contagio ma dopo qualche settimana.
La diagnosi normalmente si fa con una visita “accurata” delle zone interessate dal prurito. Normalmente nella storia del paziente risulta che il problema è iniziato dopo un contatto sessuale occasionale o un viaggio o soggiorno in luoghi con igiene non garantita.

Secondo le 5 Leggi Biologiche

Questa infestazione appartiene alla sfera genitale e sessuale dell'individuo.
Significato delle sigle:
  • CA = Conflitto Attivo: ovvero il periodo in cui la persona è in lotta per risolvere il suo problema. Detto anche Simpaticotonia;
  • PCL = PostConflittoLisi: ossia quando la persona ha risolto il suo problema e si avvia al riposo dopo la lotta. Detto anche Vagotonia;
  • CE = Crisi Epilettoide: ossia un periodo di breve durata, nel quale si manifestano i sintomi più sgradevoli. Prevale la Simpaticotonia;
Iscriviti al Bollettino Novità - Invia il tuo indirizzo E-mail a giorgiobeltrammi@gmail.com

Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione Paypal