Attivazioni Biologiche

A proposito di...

Cancro:
Un evento incompreso

I nuovi farmaci anticancro funzionano davvero?

Di Mariano Bizzarri del Dipartimento di Medicina Sperimentale - Università de La Sapienza di Roma
Articolo pubblicato sul Journal of Biological Sciences (vedi)
Traduzione ed adattamento di Giorgio Beltrammi

L'aspettativa di vita dei malati di cancro è costantemente aumentata negli ultimi 40 anni di quasi il 20%. Tuttavia, questo è in gran parte dovuto alla diagnosi precoce e al miglioramento della chirurgia e del trattamento a base di radiazioni, rispetto alla chimica citotossica. Come già riportato da molti studi (Morgan, 2004), un recente sondaggio di P.H. Wise (Wise, 2016) sottolinea che, nonostante le aspettative di molti pazienti di avere una cura sono, difatti, ingannati da inappropriate affermazioni non realistiche su ciò che la chemioterapia può davvero fare. Il potenziale beneficio farmacologico è davvero sopravvalutato sia dall'industria che dagli oncologi. Di conseguenza, come evidenziato da uno studio multicentrico (Weeks, 2012), quasi il 75% di 1200 pazienti con carcinoma metastatico del colon e del polmone ha creduto di essere "curato" dalla chemioterapia, mentre "una cura in queste situazioni è praticamente sconosciuta", come PH Wise sottolinea: "In realtà essi (i pazienti) guadagneranno in sopravvivenza solo qualche mese extra di vita". Inoltre, "Spendere somme a sei cifre per prolungare una vita di alcune settimane o mesi è già inaccettabile" ma è anche "inappropriato" per i molti malati di cancro che "moriranno quasi inevitabilmente per metastasi tumorali solide".
In effetti, una revisione di 48 nuovi farmaci antitumorali approvata dalla FDA tra il 2002 e il 2014 ha dimostrato che questi farmaci prolungano la sopravvivenza solo di pochi mesi, mostrando una media di sopravvivenza globale di soli 2,1 mesi. Inoltre, per raggiungere un tale modesto risultato, i pazienti devono sopportare la terapia estenuante in regime ospedaliero e pagare un prezzo in termini di costi ed effetti collaterali. Gli effetti collaterali sono spesso minacciosi per la vita, mentre molti dei nuovi farmaci che offrono alcuni mesi di sopravvivenza extra, sono estremamente costosi, con costi di oltre 100.000 dollari all'anno per il solo farmaco. (n.d.t.: per comprendere quanto possa essere impegnativa la Terapia mirata, invito il lettore a leggere alcuni degli effetti collaterali dei farmaci "biologici" oggi più usati)
Nel complesso, questi argomenti rafforzano una già documentata evidenza: le Targeted terapies (Terapie mirate) sembrano dare scarso beneficio, se del caso, nel controllo del cancro. Anzi, "le terapie mirate non sono generalmente curative o di efficacia durevole"(Hanahan, 2014) e, pertanto, "la promessa delle terapie mirate rimangono elusive" (Kamb, 2010).
Nonostante alcuni progressi limitati che sono stati descritti nel caso di alcuni tumori specifici, i tassi di mortalità per cancro riflettono un'incidenza in calo (principalmente a causa della riduzione del fumo di tabacco), della diagnosi precoce o dei migliorati interventi chirurgici / radioterapici, considerando che è probabile che l'innovazione farmacologica abbia fatto cadere il tasso di mortalità solo del 4% (Lichtenberg, 2010).

Questi risultati sollevano diversi aspetti etici, medici e scientifici. Da un punto di vista etico, "optando per il trattamento di supporto piuttosto che attivo - spesso chiamato "Rifiuto" - può dare (ai pazienti) una più lunga e migliore qualità della vita rispetto alla chemioterapia.
Siamo sicuri che i pazienti siano adeguatamente informati sulla chemioterapia? Dal punto di vista clinico, per diversi tipi di cancro (polmone, stomaco e cervello) la chemioterapia dovrebbe essere limitata a sottoinsiemi specifici di pazienti (basati su marcatori sensibili e nuovi marcatori, ancora da svelare). In effetti, anche in questi casi, il beneficio clinico potrebbe essere molto limitato. Come indicato in un rapporto pubblicato su Nature "Quando a pazienti con diversi tumori recidivati vengono somministrati farmaci basati su marcatori biologici, solo il 30% circa risponde, e la media di sopravvivenza senza progressione è di soli 5,7 mesi" (Schwaederle, 2016).
Moltiplicando la percentuale di pazienti che ricevono terapie mirate con questo tasso di risposta (è stimato) che l'oncologia di precisione beneficerà dell'1,5% circa dei pazienti con tumori solidi recidivati ​​e refrattari ”(Prasad, 2016).

Infine, da un punto di vista scientifico, il fallimento del trattamento del cancro a base di chemioterapia evidenzia l'inadeguatezza dell'attuale modello di carcinogenesi - la Teoria della mutazione somatica - su cui quei trattamenti sono basati. Singoli o pochi obiettivi enzimatici e genetici non possono più essere considerati "motivi" dello sviluppo del cancro e di conseguenza il loro blocco potrebbe difficilmente fornire qualche vantaggio significativo (Bizzarri & Cucina, 2016).

Pertanto, "la cura etica del cancro richiede il potenziamento dei pazienti [....] con informazioni accurate e imparziali, seguito da consensi autenticamente informati. Fondi e studi attenti dovrebbero spostarsi verso la prevenzione, la diagnosi precoce, il trattamento rapido e radicale della malattia localizzata e fornire cure di supporto. Solo allora la cura del cancro servirà ai pazienti, piuttosto che ai governi e all'industria" (Godlee, 2016).

Commenta questo articolo su 5 Leggi Biologiche - Romagna
Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione Paypal