Salta il menu

Attivazioni Biologiche
5 Leggi Biologiche e non solo!

Cancro - Il grande business

Articolo originale: http://www.naturalnews.com/033847_chemotherapy_cancer_treatments.html##ixzz2zt11OL00
Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

Curare il cancro è un grande business in America - infatti è un affare di 200 miliardi dollari all'anno. Eppure il 98 per cento dei trattamenti convenzionali per il cancro FALLISCONO non solo miseramente, ma sono anche garantiti per far star male le persone ancora di più.
Quel che è peggio è che si stanno sopprimendo cure naturali per il cancro, che potrebbero aiutare decine di migliaia di persone a guarire e vivere liberi dal cancro con poca o nessuna dipendenza da farmaci, chirurgia e chemioterapia.
Il trattamento del cancro negli Stati Uniti è una delle frodi più sfacciate nella storia della medicina. Quand'è troppo è troppo! Meritate di sapere la verità sulla criminalità degli oncologi e sui pericoli della chemioterapia, i trattamenti convenzionali per il cancro e il cancro "business".

La chemioterapia uccide più del cancro

Ne volete una prova? Lo sapevate che 9 oncologi su 10 rifiuterebbe la chemioterapia se avessero il cancro? Si tratta dell 91% di loro - una percentuale enorme che getta chiaramente una luce sulla verità: la chemioterapia uccide. Gli oncologi convenzionali non solo permettono che questo accada, ma sono anche pronti ad agire come bulli nello spingere molti pazienti verso la chemioterapia e la chirurgia subito dopo aver ricevuto la diagnosi.
Perché quella grande percentuale di oncologi - che raccomandano ai pazienti di fare la chemioterapia - la rifiutano per se stessi? Perché sanno che non solo è inefficace, ma estremamente tossica. Indipendentemente da ciò, il 75% dei malati di cancro è diretto verso la chemioterapia.

Non siete ancora abbastanza shoccati? Un esame rigoroso della chemioterapia ha rivelato che non ha risultati curativi nel 98% dei casi. E quando la chemioterapia è stata sottoposta a comparazione con nessun trattamento, quest'ultimo ha dimostrato essere la soluzione migliore. Solo il 2-4% delle persone colpite da tumore risponde bene alla chemioterapia.
In uno studio tedesco su donne ultraottantenni colpite da cancro al seno, coloro che non hanno ricevuto alcun trattamento hanno vissuto in media 11 mesi in più rispetto a quelle che hanno ricevuto trattamenti antitumorali convenzionali.
Uno studio lungo 14 anni, effettuato da due oncologi australiani, riportato nel film "Uno sguardo shoccante sugli studi sul cancro", ha mostrato che il trattamento convenzionale, come la chemioterapia, applicato su tutti i nostri principali tumori, è del tutto inefficace - ben al di sotto di un tasso di successo del 10%.
La chemioterapia è una procedura barbara e inutile. Essa attacca e uccide non solo il cancro, ma anche tutti i tessuti viventi, le cellule sane del corpo e paralizza completamente il sistema immunitario. Anche se questo trattamento estremo è stato definito efficace contro i tumori testicolari e la leucemia linfocitica, in molti casi è difficile dire se la presunta "terapia" ucciderà prima il cancro o il paziente. Infatti, non sarebbe forzato dire che la maggior parte delle persone che muoiono oggi di cancro, in realtà muoiono per i trattamenti contro il cancro.

Le Mammografie fanno più male che bene (comprese le inutili mastectomie preventive)

L'industria mammografica da 4 miliardi di dollari all'anno, esorta le donne ad affidarsi a questi test radiologici per "proteggere" la propria salute. Tuttavia, ciò che non viene detto è che le mammografie sono un trattamento ampiamente inutile e dannoso. In realtà, le mammografie danneggiano dieci donne per aiutarne solo una.
Uno studio condotto da ricercatori del Nordic Cochrane Center danese ha tenuto conto sia dei benefici che degli effetti negativi di sette programmi di screening sul cancro al seno per 500.000 donne.
Per ogni 2.000 donne che hanno ricevuto mammografie nel corso di un periodo di 10 anni, solo una vedrebbe prolungata la sua vita, ma dieci verrebbero danneggiate. Questo perché le mammografie possono effettivamente aumentare il rischio di sviluppare il cancro al seno in una donna, di ben il 3% in un anno. Questo a causa della irradiazione sulle cellule mammarie, innescando il cancro al seno.

Trattamenti oncologici moderni - I "secoli bui" della medicina

Nel documentario, "Cancer is Curable", disponibile su NaturalNews (http://premium.naturalnews.tv/CANCER_is_curable_NOW__NN.htm), un esperto di trattamento alternativo del cancro dice che un giorno le persone si guarderanno indietro e si diranno «Che tipo di Neanderthal eravamo!» praticando la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia (ovvero tagliare, bruciare e avvelenare). Egli chiama anche l'approccio convenzionale al trattamento del cancro "medievale".

Le statistiche dimostrano che non vi è alcuna prova che la mastectomia preventiva - la rimozione di tutta la mammella - estenda la vita delle pazienti con cancro al seno, sebbene gli oncologi continuino a farlo regolarmente. La mastectomia preventiva è una procedura inutile e molte pazienti sono portate a credere di avere il cancro a causa di screenings con falsi positivi. Questo significa che sono spinte a rimuovere le mammelle senza alcun motivo. Le donne che subiscono questi trattamenti sono segnate per tutta la vita.
Le TAC, o tomografie computerizzate, sono una procedura comune usate per la maggior parte dei tipi di cancro, ma l'ironia è che le radiazioni di una TAC sono molto pericolose e possono portare al cancro stesso.
La radiazione di una TAC ha dimostrato effettivamente di causare un aumento dei casi di cancro. Un recente rapporto pubblicato nel New England Journal of Medicine suggerisce che la radiazione emanata da una comune TAC (stima effetuata su più di 62 milioni di scansioni TAC effettuate ogni anno negli Stati Uniti) può causare fino a 1 caso su 50 futuri casi di cancro. Ciò non è affatto da prendere alla leggera. Le radiazioni da dispositivi medici è un contributo enorme e sottovalutato alla crescente incidenza di cancro alla mammella e di altre forme di cancro.

Secondo un articolo del Time Health, altri studi dimostrano che i medici stanno eseguendo troppe TAC ingiustificate, esponendo una innumerevole quantità di pazienti alle radiazioni che possono provocare il cancro. Molti mammografie sono anche erroneamente calibrate, in modo da emettere troppe radiazioni che rendono la pratica non sicura. Se una donna inizia a fare mammografie dall'età di 40 anni, fino a 60, non è impossibile che possa sviluppare una lesione tumorale mammaria.
Non c'è da meravigliarsi che così tante donne finiscano per mostrare questa forma di cancro - cominciano a ricevere mammografie fin dalla mezz'età, sulla base delle sollecitazioni dei medici, in tutto il mondo. Le industrie della salute e del cancro conoscono la connessione tra le radiazioni di TAC e mammografie e le statistiche del cancro, eppure continuano a spingere i pazienti a eseguire queste procedure "preventive".
Parlando di bugie, praticamente nessun dollaro donato alla Komen, va verso il finanziamento della ricerca attuale sul cancro. Fino al 95 % del denaro donato alla Komen è destinato a fornire "mammografie gratuite" alle donne afro-americane e alle donne con basso reddito - dopo tutto, essi non vogliono che nessuno sia lasciato fuori da tutte queste radiazioni inutili. Il denaro della Komen è quasi interamente versato per fare più mammografie e pompare più radiazioni nelle donne.

C'è in realtà un test poco conosciuto per la presenza del cancro al seno, e questo metodo non produce falsi positivi o negativi: il test della saliva. I ricercatori del University of Texas Health Science Center a Houston hanno scoperto che le donne con tumore al seno, trasportano proteine ​​diverse rispetto alle donne senza cancro; questo può essere verificato da un test della saliva così semplice che anche un dentista potrebbe farlo.

Big Pharma mente nel convincerci che le loro cosiddette "cure" per il cancro funzionano

Gli Oncologi e Big Pharma usano trucchi intelligenti per promuovere i loro trattamenti contro il cancro, come l'utilizzo dei numeri per dimostrare la presumibile efficacia dei loro trattamenti contro il cancro. Ad esempio, se voi o una persona a voi cara ha il cancro al seno, i medici probabilmente raccomandano il farmaco Tamoxifene. Vi diranno che riduce del 49% le probabilità di ammalarsi di cancro al seno, che risulta abbastanza impressionante.
Tuttavia, in base ai numeri assoluti, il Tamoxifene riduce il rischio di recidive del cancro al seno del 1,6% - 30 volte meno di quanto pubblicizzato. Numeri relativi al posto di numeri assoluti, le statistiche sono spesso utilizzate dagli oncologi, perché i numeri relativi possono essere manipolati in molti modi. Qualsiasi statistica relativa, che usa le percentuali messe in una falsa luce positiva, può essere utilizzata in queste situazioni.
Forse avete sentito dire, attraverso i principali media, che il trattamento del carcinoma mammario in fase precoce, crea un tasso di guarigione del 91% a cinque anni. Questa affermazione è assolutamente ridicola - si potrebbe ottenere lo stesso tasso di guarigione non facendo nulla (il cancro al seno ha una crescita molto lenta).
Il punto è: non fatevi ingannare da ambigui numeri "relativi". Pretendete i fatti reali!

Le aziende farmaceutiche pagano oncologi per promuovere (costosi) farmaci contro il cancro inefficaci e tossici

Negli USA, la maggior parte degli oncologi non fa' soldi nel curare i pazienti, ma con la vendita di farmaci contro il cancro. In realtà, secondo il Journal of American Medical Association, il 75 % dei guadagni dell'oncologo medio provengono dalla vendita di farmaci chemioterapici nel suo ufficio - e ad un prezzo sostanzialmente molto caro.
Le aziende farmaceutiche non solo pagano persone carismatiche per contattare i medici, esagerano i benefici dei farmaci, e sottovalutano i loro effetti collaterali, ma pagano anche tangenti agli oncologi per spingere i loro farmaci. Ad esempio, AstraZeneca Inc. ha dovuto pagare al governo federale 280 milioni dollari in sanzioni civili e 63 milioni dollari in sanzioni penali, dopo aver pagato tangenti ai medici per promuovere il suo farmaco contro il cancro alla prostata.

Molti oncologi sono criminali e prepotenti, non medici

Molti oncologi si comportano come bulli nei confronti dei pazienti, affinché imbocchino la via distruttiva della chemioterapia, dei farmaci tossici e della chirurgia, ma non dicono ai loro pazienti tutta la verità sul pericolo di questi trattamenti, su altre opzioni disponibili, sulle statistiche di sopravvivenza dal cancro e molto altro. Un numero elevatissimo dei malati di cancro ha sofferto inutilmente per mano di questi cosiddetti medici, ai quali non potrebbe interessare di meno della guarigione dei loro pazienti. Molti di questi oncologi svergognati meritano di essere arrestati e processati immediatamente per i crimini che commettono, eppure continuano a inviare i pazienti lungo la stessa strada infida e dolorosa che ha provocato troppi morti.

Sempre più pazienti si stanno svegliando alla verità sul trattamento del cancro ed educano se stessi sul potere della nutrizione - sono loro che scelgono medici che possano educarli e curarli, piuttosto che il bullo della chirurgia e della chemioterapia. Lo scontertante documentario Cancer is Curable menzionato dianzi, intervista dei medici che indicano come i pazienti sono spesso sotto pressione da parte di oncologi convenzionali; a volte spingono il paziente al tavolo operatorio il giorno dopo la loro diagnosi - senza illustrare loro altre possibilità.
Quel che è peggio è che non importa quanto possa essere efficace un trattamento, i pazienti convenzionali vengono ancora uccisi dal cibo con cui vengono alimentati negli ospedali. Tutti i medici intervistati in Cancer is Curable spiegano che lo zucchero è il killer numero 1 per ogni malato di cancro - e anche se ogni medico dovrebbe saperlo, essi continuano a dare i loro pazienti panini e caramelle in camera chemioterapica.

Molti oncologi stanno dicendo ai loro pazienti affetti da cancro di interrompere l'assunzione di integratori antiossidanti, mentre sono in fase di trattamento. Perché? Perché dicono che c'è la possibilità che gli antiossidanti possano abbassare l'efficacia dei trattamenti come la radioterapia e la chemioterapia.
A dispetto di quello che potrebbe esservi stato detto o che siate stati portati a credere, la chemio non è certo la scienza esatta che finge di essere. E tuttavia, per il semplice sospetto che gli antiossidanti possano proteggere le cellule tumorali che la chemioterapia cerca di distruggere, gli oncologi si sentono giustificati nel raccomandare ai loro pazienti di evitare integratori antiossidanti.

C'è un numero ridicolo di falsi positivi negli screening per il tumore

Tra le 1.087 persone che hanno partecipato a un processo di screening del cancro, ricevendo una batteria di test per il cancro della prostata, dell'ovaio, del colon-retto e del polmone, almeno il 43% ha avuto un falso risultato positivo ai test, secondo uno studio pubblicato in un numero del Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention. È quasi la metà dei pazienti che sono stati testati!
Una delle evidenti ricadute di ciò, è l'inutile costo per cure mediche connesso con falsi positivi derivanti dagli screening per i tumori. Considerando l' elevato costo dei test e dei trattamenti, le conseguenze economiche dei falsi positivi sono significative. Non dobbiamo trascurare di menzionare la sofferenza emotiva e fisica inutile inflitta a migliaia di pazienti che sono stati portati a credere di avere il cancro.
Nello studio di cui sopra, gli uomini che hanno specificamente avuto un risultato falso positivo per cancro a prostata, polmone o colon-retto, hanno pagato in media quasi 2.000 dollari in ulteriori spese per l'assistenza medica rispetto a coloro che hanno avuto risultati negativi. Più della metà - il 51% - degli uomini inclusi nello studio, aveva almeno un falso positivo ai test.

La lezione da imparare

Questi insabbiamenti e miti sul cancro, sono solo alcuni esempi di base su quanto in realtà sia corrotta e disonesta l'industria del cancro. Questo riguarda in particolare gli oncologi che hanno in cura pazienti, indipendentemente dal conoscere la verità inquietante su procedure e prove di trattamento che così spesso consigliano o impongono ai loro pazienti.
Anche se non tutti gli oncologi dovrebbero essere collocati nella stessa categoria, una grande maggioranza di questi "medici" criminali dovrebbero essere ritenuti responsabili e adeguatamente puniti per l'inutile sofferenza arrecata a migliaia di malati di cancro. Se conoscete qualcuno che viene spinto alla chemioterapia e verso altri mortali e inutili "trattamenti", condividete la verità con loro e potrete salvare una vita.
Fortunatamente , sempre più persone si stanno svegliando da queste bugie sul cancro e stanno cercando protocolli e trattamenti terapeutici alternativi, più sicuri e più efficaci.

Fonti documentative

Riassunto : Home →→ Articoli → Cancro - Il grande business
Utilità : Torna in alto
Aiuto | Info | Contatti
Sito web divulgativo, nessun diritto riservato.
I contenuti del sito sono di libero utilizzo
CSS3 | HTML 5