Attivazioni Biologiche

A proposito di...
Bio-Pedia
Humana

Transgenerazionalità

25 aprile 2020
Perla saggia:
Non ci si libera di una cosa evitandola,
ma solo attraversandola.

Cesare Pavese

Tratto da "TRATADO DE BIODESCODIFICACION" di Enric Corbera Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

1. Origine e definizione

Vediamo come si sviluppò il concetto di Transgenerazionale in psichiatria e psicologia. Ad essere onesti, il Transgenerazionale è noto da molto tempo. C'è una frase nella Bibbia che dice: "I genitori mangiano l'uva verde e i bambini digrignano i denti". Quando Gesù guarì un malato, i suoi apostoli gli chiesero: «Signore, chi ha peccato lui o i suoi genitori?»
Ne ha parlato Freud. Diciamo che Freud ha esplorato il campo delle nevrosi e lasciò da parte il campo delle psicosi e si dimenticò totalmente del Transgenerazionale.
Negli anni '70 c'era un gruppo di terapisti, Nicolás Abraham, Maria Torok, Françoise Dolto, Anne Ancellin Shützenberger, Didier Dumas che si incontravano ogni settimana.
Nicolás Abraham e María Torok lavoravano all'ospedale psichiatrico di Parigi ed ebbero una grande idea perché quando avevano un paziente psicotico, che era delirante, scrivevano parola per parola il delirio, tutte le cose folli. E quando arrivavano i genitori dicevano loro di cosa aveva parlato il figlio. Quindi si resero conto che, in tutto quel delirio, c'erano cose completamente deliranti e altre molto reali. E ipotizzarono che ci fosse un problema familiare transgenerazionale che il bambino portava dentro di sé.
Poi hanno iniziato a parlare dell'inconscio del clan, dell'inconscio della famiglia. Qui trovarono un repertorio di cose che avevano tutti un comune denominatore. Il bambino delirante è il rappresentante di una carica emotiva che non è stata gestita a suo tempo.

Il comune denominatore è la vergogna di dire qualcosa che è successo nel clan. Cosa si nasconde nel clan?: Questi segreti sono cose di cui non si deve parlare, che non devono essere né detti né ascoltati.

Questi fenomeni dei segreti di famiglia sono stati oggetto di numerose osservazioni e studi dimostrano che sono statisticamente significativi. Diverse ipotesi sono attualmente in circolazione, ma sono ancora ipotesi, metafore. Alcuni lo vedono come un esempio di trasmissione di un ricordo da inconscio a inconscio, essendo questa memoria il collegamento che unisce un oggetto (tempo, luogo, tema) con una emozione, un sentito.
In un certo senso, l'essere umano è la somma dei suoi ricordi emotivi, personali, familiari e culturali.
Se Freud ha studiato l'inconscio personale e C.G. Jung l'inconscio collettivo, queste scoperte ci hanno portato all'Inconscio familiare.
Ciò che sorprende è che l'erede del segreto di famiglia non smette di percepire o indovinare che qualcosa è accaduto; a livello inconscio sa esattamente cosa è successo, dove e quando. E mantiene questi elementi nel suo inconscio.
In terapia, un criterio che ci consente di tenere traccia di un segreto di famiglia è la sproporzione tra un evento e la reazione emotiva che comporta.

Un altro criterio è la natura irrazionale o compulsiva delle reazioni. Persone che hanno l'impressione di fare le cose a dispetto di se stesse, di non essere in grado di controllare le proprie reazioni, di essere il giocattolo delle proprie emozioni. Tutti questi automatismi, comportamenti irresistibili, atteggiamenti di ripetuti fallimenti, in cui la persona entra in contatto con un'emozione traboccante, sono indicazioni che possono guidarci verso una possibile eredità familiare.
Liberarsi dai segreti di famiglia è spesso più facile di quanto pensiamo. Anche se si tratta di eventi indicibili, il fatto di esprimerli, di eliminarli fa smettere di essere sul lato oscuro della mente. Una volta che la parola è espressa, una volta che la consapevolezza è verbalizzata, smette di occupare l'inconscio.
Ciò provoca una reazione, un rilascio emotivo, uno scarico (urla, tremore, lacrime ...). Poi la persona diventa calma. Una volta che la persona rivive l'evento e vi rimane per alcuni istanti, si sente liberata, calma. Il più delle volte, la consapevolezza delle emozioni è sufficiente per guarire, anche se sono eventi molto importanti.

Ciò che dà forza ai segreti è la loro natura inconscia, nascosta, non detta, che opera nell'ombra. Ciò che è chiaro è che lavorare su questi segreti salverà i nostri figli e i discendenti dal doverli soffrire.
Immaginiamo che ci sia un suicidio che risale a tre generazioni sopra, è qualcosa che manteniamo e non esprimiamo. Il lato psicoanalitico è che c'è un'emozione, questa emozione è un'energia che non possiamo estrarre. Quindi la terremo in una cripta, lasceremo il segreto in questa cripta, ma l'emozione è ancora lì.
Dopo un po' questa carica emotiva, questa energia, verrà depositata in un bambino, che nascerà con questa carica emotiva inconscia e che lo guiderà nella sua vita, con una certa intensità, ovviamente.
Così hanno iniziato a trattare i pazienti psicotici, non solo il bambino, ma l'intera storia familiare. E lì hanno iniziato ad avere risultati molto importanti. Nacque così il Transgenerazionale in psicologia.
Anne Ancellin Shützenberger ha avuto l'idea di scrivere un libro per un vasto pubblico, "Oh miei antenati!", nel 1985, e molte persone si interessarono a ciò.

2. Affinità

Prima di iniziare con il Transgenerazionale propriamente detto, dobbiamo parlare delle Affinità. Esistono diversi tipi di affinità. Nel linguaggio colloquiale, quando si fa una seduta, si può dire cosa sta accadendo e sembra molto semplice. Ma se lo si deve scrivere, non è così semplice, occorre esprimerlo correttamente per poterlo difendere se necessario.
Dopo aver riflettuto, abbiamo sostanzialmente trovato quattro tipi di affinità:

A seconda del problema della persona, a volte è l'affinità affettiva che è molto importante, a volte è l'affinità freudiana la più importante e altre volte è quella transgenerazionale.
Lavoreremo sulle affinità transgenerazionali, che sono una specie di legame inconscio che andremo a cercare. Ci sono diversi punti che esamineremo, insieme a diversi esempi.

Due cose:
- Non sono molto frequenti da trovare persone che stanno bene, che hanno una buona storia transgenerazionale, che non hanno molti problemi. Non li vediamo, nessuno ci consulta per un problema di successo: «Sto bene, sono in salute, ho una moglie meravigliosa, guadagno un sacco di soldi, quale problema ho dottore?» Non esiste una cosa del genere.
- Se una persona ci consulta è perché ha un problema fisico o emotivo. Le persone che vanno a consulto hanno malattie gravi, possono morire entro sei mesi, persone che sono state torturate per anni dal loro partner, dal loro figlio, persone con bulimia o anoressia, persone che hanno qualcosa che li disturba nella loro vita. Quindi andiamo a cercare un dramma.

C'è un dramma, è nell'albero genealogico e la persona, attraverso i suoi problemi, lo trasformerà, lo riparerà. Per ripararlo ci sono diverse possibilità: Ripariamo attraverso i figli, perché? Perché il carico emotivo è così grande che abbiamo bisogno di supporto. E ciò che è fantastico è la precisione del calendario delle nascite, dei nomi.

Quando si ha intenzione di avere figli, ci sono pochissime persone che fanno calcoli sul futuro individuo. Generalmente è il nostro inconscio che calcola per noi. Vedremo che la data di nascita, la data del concepimento sono veramente sorprendenti. E quando si lavora su un dramma specifico, che coinvolge una persona specifica, vedremo che il bambino è legato al dramma. Perché per lei è troppo difficile, ci ha provato, ma trasmette il peso ai propri figli.

Se ad un certo punto c'è un dramma, lo si può riparare con la professione, anche coi figli e anche con gli amori, perché anche la donna che si ama è legata al dramma e anche la malattia è legata al dramma. Ciò che faremo è mettere in relazione tutti questi sintomi con il dramma.
In generale, abbiamo un problema che ci preoccupa oggi. Usando un linguaggio informatico, ho un file che è attivo oggi, ma siamo fatti di diversi file. Se ne rimuove uno e un altro arriva immediatamente. Perché ciò che fa l'inconscio è sbarazzarsi di questi file, perché per gestire biologicamente un file ci vuole molta energia.
Un altro modo di vedere le cose è usare uno schema che possiamo usare regolarmente nelle consultazioni. La persona giunge a consulto, la prima cosa da fare è trovare il conflitto scatenante, ad esempio: una persona ci consulta per un'allergia di cui soffre da 10 anni. Rimarcheremo quell'anno come l'inizio dei sintomi. In un'allergia si cercherà un conflitto scatenante nell'ambito di quell'anno, perché la malattia è il simbolo di un problema recente.

Per il cancro al seno, se il sintomo risale al 2009, cercheremo qualcosa di importante nel corso dell'anno precedente, nel 2008, analizzeremo la storia della persona per quell'anno in relazione al conflitto scatenante. E quando si trova questo, la malattia traduce il problema psichico in linguaggio organico. Questa è la Biodecodifica.
Invece, se il dramma accade all'età di 12 anni, la persona costruisce qualcosa intorno a questi 12 anni per essere in grado di canalizzare questo dramma. In altre parole, fino all'età di 12 anni tutto procede bene e, dall'età di 12 anni, succede qualcosa sul quale costruirà qualcosa per limitare i problemi mentali.
Se il dramma ha avuto luogo a 3 anni, la persona costruirà una modalità operativa per limitare il dramma. Cioè, da 0 a 3 anni tutto va bene, e a partire dal dramma verso i tre anni, costruirà un'intera personalità attorno a questo dramma.
Se il dramma si svolge nel progetto-senso, quando era nel grembo della madre, si strutturerà attorno a questo dramma. Avrà molta più influenza sulla sua vita che se il dramma fosse avvenuto nel 1999.
Se il dramma si svolge sulla linea del padre e la persona è rappresentante di quel dramma, in qualche modo sarà programmata per portare quel dramma. Lo stesso se il dramma si svolge sulla linea materna.
Nelle malattie genetiche, ad esempio, il dramma è sia materno che paterno. La biodecodifica può essere utilizzata per analizzare una malattia genetica, come la miopatia ad esempio, dove è obbligatorio lavorare sul progetto paterno e materno.

Quando dico dramma, mi riferisco a un problema specifico, che è spesso nella coscienza personale e familiare. Ciò che cercheremo è ciò che è stato registrato, inconsciamente, nell'inconscio familiare. L'obiettivo dell'esplorare un albero genealogico è quello di mettere in relazione il dramma con i problemi della persona.
Questo è l'interesse del Transgenerazionale. Se prendiamo la storia di qualcuno, ci sono alcuni drammi nella vita attuale, attorno ai quali quel qualcuno si è costruito, e ci sono sempre drammi a livello familiare, e il clan è stato costruito attorno a questi. Il miglior esempio che faremo è con la sindrome del giacente, in cui il dramma è sempre transgenerazionale, ma le conseguenze del dramma sono attuali, a livello amoroso, a livello dei figli, a livello professionale, a livello medico, psichico, ecc.
Dobbiamo sempre tenere a mente una sola frase, il nostro funzionamento è il risultato di un dramma familiare. Mi dispiace dirlo, ma è così.

3. Possibili segnali da analizzare nel Transgenerazionale

4. La Sindrome del Giacente

Giacente è qualcuno che è disteso, rappresentato con le mani appoggiate o incrociate sul petto o lungo il corpo, che rappresenta una persona morta.
Per comprendere appieno la sindrome del giacente, in tutto il Transgenerazionale ci sono molti possibili soggetti. Ad esempio, storie di denaro, di identità, storie d'amore o di coppia, ecc.
La sindrome del giacente è molto precisa. In tutta il Transgenerazionale è la gestione dei decessi ingiustificati e ingiustificabili. Parleremo di morti non sopportate, come la morte di un bambino. Una madre non può piangere la morte di suo figlio, è in un lutto bloccato.
Quando qualcuno muore, viene proposto di mettere in pratica queste nove fasi teoriche per uscirne e vivere normalmente. La sindrome del giacente appare quando il dolore è stato bloccato e ci sono sintomi specifici.

Per consultare l'articolo completo di maggiori contenuti e informazioni, Iscriviti al "Sentiero dell'Apprendista"

Commenta questa pagina su 5 Leggi Biologiche - Romagna
Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione Paypal