Salta il menu

Attivazioni Biologiche
5 Leggi Biologiche e non solo!

Il Dizionario*

Disfasia

Perla saggia:
Tutte le nostre parole non sono che briciole che cadono dalla tavola imbandita della mente.
Kahlil Gibran

Disfasia è un termine usato per descrivere le difficoltà alla comprensione del linguaggio e nell'esprimersi, evento che avviene spesso dopo una apoplessia o altri danni cerebrali. Quando c'è la totale perdita della capacità di comunicare attraverso la parola o la scrittura, si tratta di afasia globale. Molti più individui hanno una parziale comprensione di ciò che viene detto loro; sono anche in grado di tradurre in parole i propri pensieri. Il termine generale per questi quadri di minor gravità è disfasia.

Pur con le variazioni individuali, in generale ci sono due tipi di disfasia:

Difficoltà simili possono aversi con la lettura, chiamata Dislessia (termine che si incontra spesso quando si tratta di difficoltà infantili alla lettura).
Individui adulti che hanno avuto un ictus o altra forma di danno cerebrale, possono avere difficoltà a scrivere, o disgrafia.
La disfasia può insorgere improvvisamente e durare solo per poche ore o qualche giorno, in quanto c'è stata una alterata circolazione cerebrale. Gli effetti possono essere permanenti e queto può provocare serie difficoltà alla persona che risulta frustrata per l'impossibilità di esprimersi e farsi comprendere.


• Secondo le 5 Leggi Biologiche

Riprendendo la descrizione precedente, la disfasia è una disfunzione corticale di aree diverse in base alle caratteristiche che la contraddistinguono.
Il primo tipo di disfasia sembra essere a carico del centro del linguaggio complesso, o Centro di Broca, posto nella corteccia premotoria, a ridosso dell'area motoria. Sembra corrispondere ad un conflitto di eloquio impedito, non poter parlare, non potersi esprimere, pur avendo chiare le proprie idee.
Questo centro può essere coinvolto in processi biologici e sensati a carico di relè vicini, anche dell'area motoria, dove il conflitto è sempre quello di movimento impedito. Non a caso nei pressi del centro di Broca sono collocati i relè per labbra, mascella e lingua. La disfasia insorge improvvisamente in corso di fase di riparazione, dove l'edema e la forte infiammazione possono disturbare la funzione del linguaggio. La crisi epilettoide può quindi peggiorare la disfasia. Dopo la fine della CE, il disturbo dovrebbe recedere, ma se le recidive sono state numerose, la disfasia potrebbe rimanere.

La disfasia recettiva o sensoriale sembra invece essere appannaggio della corteccia post-sensoria, precisamente nell'area interpretativa generale, all'interno della quale è posto il centro di Wernicke o area sensitiva della parola (vedi figura soprastante). Questa area si trova all'apice posteriore della scissura temporale o di Silvio.
Probabilmente - è solo una mia supposizione - si tratta di conflitti di separazione brutale o ingiusta, a carico della corteccia post-sensoria, dove la persona ha il percepito di non poter tollerare le parole che le vengono dette con aggressività o violenza, perché ritenute ingiuste o cattive. In fase attiva non ci sono segni particolari, ma nella fase di riparazione l'edema e l'infiammazione locale potrebbero invalidare la funzione di comprensione delle parole e la conseguente incapacità di comunicare in modo coerente e comprensibile. La crisi epilettoide peggiora ulteriormente questa capacità.
Questa ipotesi necessità di verifiche e conferme.

Legenda delle sigle: CA = Conflitto Attivo; PCL = PostConflittoLisi; CE = Crisi Epilettoide; SB = Senso Biologico;

Riassunto : Home →→ Malattie → Disfasia
Utilità : Torna in alto
Aiuto | Info | Contatti
Sito web divulgativo, nessun diritto riservato.
I contenuti del sito sono di libero utilizzo
CSS3 | HTML 5