Attivazioni Biologiche

A proposito di...

Acquista >
Bio-Pedia
Humana

Lo Specchio

Per Terapeuti
05 febbraio 2020
Perla saggia:
Occorre un saggio
per riconoscere un saggio

Senofane
Questo articolo è stato redatto sulla base del "Tratado de Biodescodificacion" di Enric Corbera.
Adattamento di Giorgio Beltrammi

Lavorare come psicoterapeuta e studente di psicologia junghiana mi ha portato a lavorare con l'archetipo Ombra. Questo studio mi ha permesso di sviluppare una terapia, in modo che il paziente scopra la sua ombra, la conosca e la integri nella sua psiche.
Quando il paziente lavora su questo modo di percepire la vita, trova, quasi involontariamente, molte risorse. Il suo risentito cambia rapidamente senza sapere molto bene il perché.
La regola generale è:
Cambiare la prospettiva → cambia la percezione → cambia la sensazione → cambia l'esperienza → cambia il risentito e appare la risorsa.

Ogni essere umano è proiettato negli altri e il modo di sapere se stiamo proiettando o stiamo imparando è molto semplice:
• Imparo da ciò che vedo, quando non mi influenza molto emotivamente.
• Proietto sugli altri, quando ciò che percepisco mi produce grande irrequietezza, malessere, rabbia, ecc. Quindi siamo vittime delle nostre stesse proiezioni.
Pertanto l'idea è: ciò che vediamo negli altri è più o meno corretto se si limita a fornire informazioni, ma se produce un forte impatto emotivo, non vi è il minimo dubbio che si tratti di una proiezione.
In questo modo, tanto se siamo eccessivamente legati emotivamente a qualcuno (o qualcosa), come se lo evitiamo o lo odiamo, abbracciamo o combattiamo rispettivamente con l'ombra, un segno inequivocabile che il dualismo - repressione / proiezione - ha avuto luogo.

Il primo passo in terapia è capire che ciò che consideriamo che l'ambiente ci faccia meccanicamente, è proprio quello che stiamo facendo a noi stessi. Siamo gli unici responsabili.
Se ho l'ansia e voglio controllarla o bloccarla, diventa angoscia. Dobbiamo capire che siamo l'unica causa dell'ansia. L'angoscia non è una questione che si sviluppa tra me e l'ambiente, ma si svolge dentro me.

La guarigione dell'ombra avviene in due fasi fondamentali, che si applicano nella terapia.

È necessario differenziare, prima di tutto, tra la proiezione dei tratti (qualità) come saggezza, coraggio, malizia, gelosia, pazienza, ecc. e la proiezione delle emozioni come odio, tristezza, rabbia, collera, ecc.
Reagiamo tanto a qualità positive che negative e in questo modo ci influenzano profondamente. Normalmente crediamo che siano qualità che possiedono gli altri e quelle che rifiutiamo sono quelle che odiamo in noi. Quando sono le nostre stesse virtù ci attacchiamo alla persona a cui le attribuiamo e questo ci rende irrequieti perché vogliamo stare con lei. Dovremo renderci conto che ciò che amiamo od odiamo negli altri non sono altro che qualità della nostra ombra.

Quando è un tratto caratteristico → dobbiamo deliberatamente esagerarlo e sperimentarlo pienamente. In questo modo diventiamo consapevoli di ciò che è inconscio e siamo solidali con l'ombra. Ad esempio, se sono depresso, divento più depresso, mi bagno nella mia depressione, la osservo, la sperimento, mi chiedo cosa voglia dirmi questa depressione, cosa c'è dietro. In questo modo mi metto in contatto con il mio opposto. Se accetto le caratteristiche che mi danno fastidio, mi integro e ciò mi consente di liberami da essa ogni volta che voglio.

Quando è un'emozione → ci sono due passaggi:
a. Esagerarla deliberatamente;
b. Invertirla. Se provo un'emozione, ad esempio odio verso qualcuno, inverto questo odio verso me stesso e mi chiedo: cosa odio di me stesso? Se odio una persona perché mi maltratta e inverto il senso, capisco che questo odio lo proietto nei miei confronti, per il non rispettarmi e affermarmi.

Protocollo dello Specchio e come applicarlo in terapia

Ad esempio: ciò che mi infastidisce di più di mia madre è: ”pensa solo a se stessa ", quindi il paziente indica se stesso e chiede: "Come penso sempre a me stesso?" e realizza una risposta che non era prevista, ad esempio: “Penso sempre che gli altri dovrebbero fare questa o quella cosa che mi piace". Questo è un modo nascosto di pensare a se stesso (l'ombra).
Un'altra risposta del tipo: “Ora mi rendo conto che devo pensare di più a me stesso lo stesso e meno in ciò che gli altri fanno o dovrebbero fare."

L'ombra ha sempre qualcosa da dire e lotta per penetrare nella coscienza sotto forma di ansia, colpa, paura e depressione. L'ombra diventa sintomatica (malattia) e ci afferra come il vampiro verso la sua preda.
Se vogliamo, come esperimento, sapere come il mondo viene visto dalla nostra ombra, non dobbiamo far altro che assumere l'opposto di ciò che consapevolmente vogliamo, desideriamo, sentiamo, necessitiamo, proviamo o creiamo. In questo modo possiamo stabilire un contatto consapevole con i nostri opposti, esprimerli, rappresentali e infine recuperali. Così guariamo i nostri dolori.

Commenta questa pagina su 5 Leggi Biologiche - Romagna
Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione Paypal