Attivazioni Biologiche

A proposito di...
Bio-Pedia
Humana

Accedere all'Inconscio

12 maggio 2020
Perla saggia:
Nessuno è mai completamente sincero con se stesso
e questo è un ostacolo insormontabile all'autoterapia.

D. Kramer
Tratto da "BIODESCODIFICACION" di Enric Corbera Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

In questo capitolo guiderò il lettore su come procedere con il cambiamento di coscienza così importante per la guarigione della mente e quindi per la guarigione del corpo.
Mostrerò un paio di tecniche molto pratiche che possono essere utilizzate in qualsiasi momento e in qualsiasi situazione. È sufficiente essere vigili e al minimo sintomo agire per evitare mali maggiori.

Viaggio nell'Inconscio

Questa tecnica è ispirata alla piramide di Robert Dilts. La invertiremo e invece di andare alla trascendenza, andremo all'inconscio biologico dalla situazione problematica.
Questa tecnica è molto utile quando riflettiamo al primo sintomo e ci chiediamo cosa è successo poche ore o giorni prima del disagio che si ha. I passaggi sono:

  1. Collocati nello spazio / nel tempo. Dove ero? Con chi ero? Cosa è successo?
  2. Qual è il mio pensiero (presente) legato alla situazione
  3. Che sensazione provo? Mi sento frustrato, mi sento solo, mi sento abbandonato, mi sento tradito, indifeso, incapace, ecc.
  4. Qual è l'emozione? Rabbia, ira, collera, paura, dolore, tristezza, disgusto.
  5. Individuo la sensazione fisica della emozione nel mio corpo, come ad esempio la gola, il petto, il cuore, le viscere.
    Una volta individuata la sensazione fisica, che sperimenterò pienamente, purché sia perfettamente associata alla situazione e alle mie sensazioni, mi pongo l'ultima e più importante domanda. Sapendo che la risposta che mi darò non è mai venuta alla luce.
    È l'emozione oscura, è ciò che non mi sono mai permesso di esprimere, i miei silenzi, ecc. Il sintomo fisico mi guiderà e sapere a quale livello embrionale appartiene mi guiderà ancora di più. Quindi l'ultima domanda è:
  6. Qual è il mio risentito? Si riferisce a emozioni inespresse e risentito significa "tornare a sentirlo".

Quando sei stato in grado di esprimere l'inesprimibile, quando sei consapevole di ciò che hai represso, allora ti dissoci e diventi spettatore della situazione (come se fossi al cinema). Da questa prospettiva (sei in terza persona) cerchi una risorsa per risolvere il trauma emotivo che stai vedendo sullo schermo. Quando ce l'hai, ti associ nuovamente al momento del conflitto e vivi la situazione usando la risorsa.
Se ciò che hai fatto è ben fatto o orientato, sentirai immediatamente sollievo e un senso di pace. È come se il problema fosse più lieve. Sei consapevole che ti stavi ingannando, che non eri coerente. Puoi ripetere questa tecnica tutte le volte che la riterrai necessaria. È molto utile avere qualcuno che, anche se non sa nulla del Biodecodifica, funga da specchio e ti accompagni.

Lo specchio come terapia

Dalla fisica quantistica ci addentriamo nelle sue verità e troviamo un'applicazione straordinaria per poter guarire noi stessi. La fisica quantistica ci insegna che tutto è collegato e che creiamo costantemente la nostra realtà con i nostri pensieri, sentimenti, cioè con la nostra attenzione. Tutto ciò a cui prestiamo attenzione, tutto ciò che ci commuove emotivamente, ci appare nelle nostre vite come circostanze con cui dobbiamo convivere.
Quando dico tutto, lo intendo pienamente. Molti hanno già sentito parlare della Legge di Attrazione. Tutto ciò che accade nelle nostre vite, relazioni, problemi, circostanze, ecc., lo attiriamo.
"Se sei preoccupato per problemi finanziari, di amore o di relazione familiare, cerca dentro di te la risposta per calmarti, sei il riflesso di ciò che pensi quotidianamente."

Ci dice anche:
"Non c'è nulla intorno a te che non faccia parte di te. Osservalo amorevolmente e vedi la luce del Cielo in esso."
E continua:
"Il segreto della salvezza non è altro che questo: che stai facendo tutto questo a te stesso".
E lo specchio ci guida anche come terapia curativa. Poiché l'importante è non curare il corpo, l'importante è curare la mente che soffre nel vedere l'errore e nel vivere la separazione.
Ci dice:
"Se riconoscessi che qualsiasi attacco che percepisci è nella tua mente, e solo nella tua mente, avresti finalmente localizzato la sua origine, e lì dove l'attacco ha la sua origine, deve finire lì."
"L'obiettivo stabilisce il fatto che tutti coloro che sono coinvolti in una situazione faranno la loro parte nel realizzarla."
"Rallegriamoci del fatto che tu veda ciò in cui credi e che ti è stato concesso il potere di cambiare le tue credenze. Il corpo ti seguirà ".

Tutte queste frasi e molte altre di altri autori ci insegnano che i nostri rimpianti, le nostre vicissitudini sono dentro di noi e che una buona pratica di conoscere noi stessi è vedere negli eventi esterni il riflesso del nostro interno.
Molte volte i riflessi di noi stessi, che vediamo negli altri, possono essere i più difficili da accettare. Ma ti assicuro che è il modo più veloce per guarire noi stessi senza attraversare stati intermedi di guarigione come la vagotonia menzionata dal Dr. Hamer.
In molti casi, vederci negli altri diventa evidente. Vediamo i nostri pregiudizi, le nostre paure, le nostre insicurezze e le persone che abbiamo davanti a noi, ci fanno vivere la situazione. Se, per esempio, ho bisogno di sentirmi protetto e cercare questo bisogno negli altri, mi faranno vivere esattamente ciò che temo di più, cioè la solitudine.

Essere pienamente consapevoli del fatto che le nostre credenze più profonde diventano il modello delle nostre esperienze quotidiane, questo ci aiuterà a guarire noi stessi ed evitare sofferenze inutili.
Molte volte gli eventi sono molto sottili e non li vediamo. La riflessione e la tranquillità sono una delle maggiori risorse per trovare le risposte. Gli animali sono meravigliosi specchi per innescare i nostri problemi e le emozioni che le nascondono.
Uno degli specchi che troviamo più difficili da vedere è quello dei nostri giudizi. Crediamo nell'onestà e si scopre che le persone intorno a noi sono disoneste con noi. La gente mi dice: "Sono disonesto? Ma se le persone disoneste non meritano di vivere per me". Questa è la chiave, il giudizio che prendo su questo o quel comportamento o azione. Il giudizio mi fa vivere ciò che mi disturba di più, ciò che è precisamente nascosto nella mia ombra, l'altro me.

Esempio:Sia il caso di una persona che vive una situazione dolorosa a causa di una grande bugia. Mi dice che non può sopportare bugie, che le persone che mentono meritano di essere punite. La mia risposta è: come menti a te stesso? Quando dici di sì e pensi di no? Quando fai qualcosa che non vuoi fare? Ti ricordo che la circostanza in cui vivi, la sua intensità è il vero riflesso di come tratti te stesso e, naturalmente, gli altri. Mente profondamente a se stessa, giustifica le sue azioni, tutto ciò che fa. Non si rende conto della bugia che vive, quindi l'inconscio gli risponde con una situazione in cui c'è una grande bugia. Rifletti sulla tua coerenza. Renditi conto di come sei fedeli alle credenze e ai comportamenti appresi. Non sei libero e vuoi la libertà.

Siamo circondati da specchi ovunque, qualsiasi circostanza può aiutarci a vedere cosa c'è nel nostro inconscio. Una volta riconosciute queste linee guida ripetute, il problema può essere risolto in un istante.
Il nostro modo di lavorare con lo specchio è renderci conto che vediamo negli altri ciò che pensiamo di non avere. Troveremo questa mancanza studiando il nostro albero genealogico. Vedremo in lui questa mancanza ereditata dai nostri antenati. La semplice consapevolezza è, in molti casi, sufficiente per guarirci.

Quando viviamo con la consapevolezza che lo specchio esiste e che questo è uno dei modi in cui l'Universo ci risponde, la guarigione dei nostri giudizi avrà inizio. Quando mettiamo questa abitudine nella nostra vita, inizia un processo straordinario, le circostanze di guarigione si intrecciano tra loro e tutto succede molto velocemente. Come dico sempre: "il vaso di Pandora è stato aperto".
C'è uno specchio che è molto difficile. È lo specchio che ci fa vivere in situazioni estreme, è lo specchio che ci fa vivere le nostre più grandi paure. Lo chiamano lo specchio della notte oscura dell'anima, ispirato al libro di San Giovanni della Croce. Le nostre più grandi paure si presentano in lui. Quando lo lasciamo, siamo già esseri con molta più fiducia, esseri che capiscono che non c'è bisogno di preoccuparsi di nulla, perché c'è qualcosa dietro TUTTO ciò che sostiene la vita e le dà significato. Ho vissuto diverse notti buie e quando le ho lasciate l'ho fatto con più forza, con più sicurezza e occorre essere pienamente consapevoli che esiste un'Intelligenza che è impossibile da capire con le nostre menti ristrette. Allora sappiamo già che siamo pronti per il nuovo cambiamento che ci sta arrivando nella vita. Quest'uomo, questa nuova donna, stanno per nascere.

Come applicare lo specchio nella mia vita

Prima di tutto, occorre avere l'accettazione delle circostanze in cui si vive. Riflettere e osservare i propri giudizi.
La benedizione di ciò che si vive è una delle chiavi più importanti che ci siano. Non è necessario benedire perché siamo buoni e facciamo un sacrificio, dobbiamo benedire perché comprendiamo e siamo consapevoli che ciò che viviamo lo attiriamo e se questo si ripete ancora e ancora, è chiaro che la soluzione è in se' stessi. Non dobbiamo cambiare il nostro comportamento, dobbiamo cambiare la nostra mentalità, dobbiamo guarire le nostre menti.
Una frase che può far riflettere:
"Benedici tuo fratello, non perché gli manchi la benedizione, ma perché manca a te. Non dimenticare mai che riceviamo ciò che diamo".
Il perdono non diventa più una soluzione, è la soluzione. Finalmente capiamo che non c'è niente da perdonare perché tutto ciò che vivo fa parte di una connessione di fatti ed eventi che mi tornano in mente. In ogni caso, perdona te stesso per il danno che stai facendo a te stesso attraverso gli altri. Come si dice: "Chi perdona è guarito".

Dobbiamo sviluppare compassione per noi stessi. Molte volte ci trattiamo male, direi molto male. Chiediamo la perfezione, chiediamo risultati, pretendiamo di essere una cosa del genere e perdiamo la vita nel perseguimento di un obiettivo che ci rende schiavi e ci fa ammalare. La svalutazione è uno dei più grandi sentimenti che proviamo per ammalarci. È una mancanza vivente, è una separazione vivente. Solo tornando all'unità troveremo la pace così ricercata e che condurrà le nostre menti alla guarigione.
In ogni momento della nostra vita, stiamo inviando messaggi di emozione, sentimento e credenze alla coscienza, e questo li traduce in codici, che inviamo e li rende la nostra realtà. Quando la nostra coerenza interna è sbilanciata, le nostre vite vanno nel caos. Ciò che il nostro inconscio biologico sta cercando è recuperare l'equilibrio. Malattia, sintomo e circostanze avverse vengono sempre a guarirci.

Degradare il conflitto

Molte volte ci imbattiamo in convinzioni che non possiamo o non sappiamo come cambiare. È impossibile per noi farlo e ci sentiamo intrappolati in un vicolo cieco. Se lo faccio male, faccio peggio, ci diciamo molte volte.
Una soluzione rapida è ciò che chiamo degradare il conflitto. Viverlo in terza persona, viverlo come se si fosse spettatori di ciò che ci sta accadendo. Lo vediamo da lontano. Tutto ciò toglie forza emotiva alla questione e quando ci si riesce, lo lasciamo.
Lasciamo che il nostro inconscio riceva la nostra nuova percezione, una percezione, possibilmente senza giudizio. Osserviamo questo dolore che ora è più distante e ci riposiamo, leggiamo un libro che ci aiuti a trovare la pace interiore.
Nelle sue parole cerchiamo la tranquillità dello spirito e cerchiamo di non dare alcun giudizio. Applichiamo semplicemente nella nostra vita ciò che abbiamo praticato e su cui abbiamo riflettuto così tanto.
Questo è l'atto di Suprema Compassione, quello che abbiamo con noi stessi e questo ci permette di averlo verso gli altri.

La biodecodifica, per come la comprendiamo, è una metodologia che utilizza molte tecniche, ma nel nostro caso particolare comprendiamo che fino a quando non raggiungeremo la Pace interiore, non saremo in grado di accedere agli stati mentali che ci guariscono.
Vivere nell'unità di tutte le cose. "C'è un campo universale che collega tutte le cose, che forma tutte le cose e che è l'origine del nostro mondo".
Se vogliamo comunicare con questa matrice - chiamala Campo di energia, chiamala Inconscio Universale, chiamala Intelligenza Divina - ripeto se vogliamo collegarci e cambiare gli eventi quotidiani che ci sopraffanno così tanto, dobbiamo solo fare una cosa: "Non dare giudizi".
Queste sono tutte le frasi che ci portano a riflettere:
"Una delle illusioni di cui soffri è la convinzione che i giudizi che fai non hanno alcun effetto."
"Non hai idea dell'enorme sollievo e della profonda pace che deriva dall'essere con i tuoi fratelli o te stesso senza dare giudizi di alcun tipo."
"La malattia è una forma di ricerca esterna. La salute è pace interiore."

Commenta questa pagina su 5 Leggi Biologiche - Romagna
Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione Paypal