Attivazioni Biologiche

A proposito di...
Bio-Pedia
Humana

Malattia d'Amore

21 novembre 2020
Perla saggia:
Amore è tutto ciò che aumenta, allarga, arricchisce la nostra vita,
verso tutte le altezze e tutte le profondità.
L’amore non è un problema, come non lo è un veicolo;
problematici sono soltanto il conducente, i viaggiatori e la strada.

Franz Kafka
Parole chiave: amore, sentimento, emozione, infatuazione, cervello, neurotrasmettitori, ossitocina, dopamina, vasopressina

1. Etimologia


Pippo innamorato

La parola "amore" deriva dal latino "amarem", ma l'etimologia è ignota, proprio come la paura. Sarà un caso?
Ho sentito anche dire che Amore deriva da "A Mors", ovvero assenza di morte e appare plausibile. Se c'è l'amore, se si vive l'Amore, non c'è la Morte.

2. Cos'è l'Amore?

  1. Una Emozione e non un riflesso
    Una Emozione in quanto tale è determinata dal contesto ed ha una durata breve ed è determinato da una elaborazione interna all'individuo che la prova. In quanto emozione, non può essere evocato a comando e non ha mai la stessa intensità.
    Un riflesso è decontestualizzato, è determinato da una stimolazione esterna e può essere riprodotto indefinitamente e a comando.
  2. Uno stato conscio e centrale dell'organismo
    Al pari della paura, coinvolge l'intero organismo ed una condizione centrale conscia. L'individuo innamorato lo è con ogni sua parte ed è conscio del suo stato di innamoramento.
  3. Determinato da stimoli contestuali
    L'innamorato diventa tale in presenza del soggetto amato, che si trova in un contesto nel quale l'innamorato stesso è permeabile alla relazione e all'incontro.
  4. Collega gli stimoli a modelli di comportamento
    Gli stimoli all'innamoramento e l'avvenuto stato di innamoramento determina una serie di comportamenti tipici e descritti. Pur nella soggettività della persona, il comportamento dell'innamorato è ampiamente prevedibile.

3. Il Cervello amoroso

Le aree coinvolte nell'innamoramento sono:

Corteccia cingolata ed altre strutture

Tratto da "The neurobiology of love", il cui articolo originale si trova a questo indirizzo.

La passione dell'amore crea sentimenti di euforia, felicità spesso insopportabile e sicuramente indescrivibile. E le aree che vengono attivate in risposta ai sentimenti romantici sono in gran parte co-estese con quelle regioni del cervello che contengono alte concentrazioni di un neuro-modulatore associato a ricompensa, desiderio, dipendenza e stati euforici, vale a dire la dopamina.
Come altri due modulatori legati all'amore romantico, l'ossitocina e la vasopressina, la dopamina viene rilasciata dall'ipotalamo, una struttura situata in profondità nel cervello e che funge da collegamento tra i sistemi nervoso ed endocrino (attraverso l'ipofisi). Queste stesse regioni si attivano quando vengono ingeriti farmaci oppioidi esogeni come la cocaina, che a loro volta inducono stati di euforia. Il rilascio di dopamina mette in uno stato di "benessere" e la dopamina sembra essere intimamente legata non solo alla formazione di relazioni ma anche al sesso, che di conseguenza viene considerato come un esercizio gratificante e di "benessere".
Un aumento della dopamina è accoppiato a una diminuzione di un altro neuro-modulatore, la serotonina, che è collegata all'appetito e all'umore. Gli studi hanno dimostrato un esaurimento della serotonina nelle prime fasi dell'amore romantico a livelli che sono comuni nei pazienti con disturbi ossessivo-compulsivi. L'amore, dopotutto, è una sorta di ossessione e nelle sue fasi iniziali comunemente immobilizza il pensiero e lo canalizza nella direzione di un singolo individuo.
Le prime fasi dell'amore romantico sembrano essere correlate anche con un'altra sostanza, il fattore di crescita nervosa, che è stato riscontrato essere elevato in coloro che si sono recentemente innamorati rispetto a coloro che non sono innamorati o che hanno una relazione stabile di lunga durata. Inoltre, la concentrazione del fattore di crescita nervoso sembra essere correlata significativamente con l'intensità dei sentimenti romantici.

La connessione tra tutte queste aree cerebrali permette di definire il NETWORK DELL'AMORE


ac: cingolata anteriore, hi: ippocampo; I: insula;
C:caudato; P: putamen

4. Deattivazioni amorose

Nella fase dell'innamoramento non vengono solo attivate aree cerebrali, ma ne vengono deattivate altre. Tratto da "The neurobiology of love", il cui articolo originale si trova a questo indirizzo.
L'amore romantico è coinvolgente, trasforma la vita delle persone e le induce a compiere azioni eroiche e malvagie. Non sorprende quindi scoprire che questo nucleo di aree cerebrali che si impegnano durante l'amore romantico ha ricche connessioni con altri siti del cervello, sia corticali che subcorticali, come la corteccia temporale frontale, parietale e media, nonché un grande nucleo situato all'apice del lobo temporale, noto come amigdala. L'aumento dell'attività nei nuclei romantici di cui al paragrafo precedente, è rispecchiato da una diminuzione dell'attività, o inattivazione, di queste zone corticali. L'amigdala è nota per essere coinvolta durante le situazioni di paura e la sua disattivazione, quando i soggetti vedono le immagini dei loro partner e durante l'eiaculazione maschile umana, implica una diminuzione della paura. Inoltre, la passione totalizzante dell'amore romantico è rispecchiata da una sospensione del giudizio o da un allentamento dei criteri di giudizio in base ai quali valutiamo le altre persone, una funzione della corteccia frontale. Questa zona corticale, insieme alla corteccia parietale e parti del lobo temporale, è stata comunemente trovata coinvolta nelle emozioni negative. La sua inattivazione negli stati romantici oltre che materni - di fronte alla persona amata - non dovrebbe quindi sorprendere perché, quando siamo profondamente innamorati, sospendiamo quei giudizi critici che altrimenti usiamo per valutare le persone.


Le aree deattivate

La corteccia prefrontale, la giunzione parieto-temporale e i poli temporali, costituiscono una rete di aree invariabilmente attive con la "mentalizzazione" o la "teoria della mente", cioè la capacità di determinare le emozioni e le intenzioni di altre persone. Una caratteristica della mentalizzazione è quella di distinguere tra sé e gli altri, con il potenziale di attribuire diversi set di credenze e desideri per gli altri e per se' stessi. Per ottenere un'immaginata "unità nell'amore", in modo che il sé e l'altro si fondano, questo processo di mentalizzazione, e quindi di distinzione tra il sé e l'altro, deve essere reso inattivo.
Ma il giudizio critico degli altri è spesso sospeso anche con la fiducia che si instaura tra gli individui e certamente con il legame profondo che si instaura tra una madre e suo figlio. Ecco, quindi, una base neurale non solo per dire che l'amore è cieco, ma per il concetto di "unità nell'amore". Non sorprende che spesso siamo sorpresi dalla scelta del partner che qualcuno fa, chiedendoci inutilmente se ha rinnegato i propri sensi. In effetti, l'hanno fatto.
L'amore è spesso irrazionale perché i giudizi razionali vengono sospesi o non più applicati con lo stesso rigore. Né ci sono restrizioni morali, poiché anche il giudizio in materia morale è sospeso. E anche la moralità è stata associata all'attività della corteccia frontale.

5. L'Amore materno


Le aree dell'amore materno

Altrettanto interessante è che questo modello di aree attivate da desideri romantici condivide parti del cervello che diventano attive anche quando le madri guardano le immagini dei propri figli, rispetto a quelle di altri bambini. L'amore materno e quello romantico condividono uno scopo evolutivo comune e cruciale, quello di mantenere e promuovere la specie. Condividono anche uno scopo funzionale, in quanto entrambi richiedono che gli individui stiano insieme per un periodo della loro vita. Entrambi sono quindi calcolati dalla natura per garantire la formazione di legami saldi tra gli individui, facendo di essi esperienze gratificanti. Non sorprende scoprire che entrambi i sentimenti condividono aree cerebrali comuni, ma non identiche. Una differenza interessante sta nella forte attivazione di parti del cervello che sono specifiche per i volti nell'amore materno. Ciò può essere spiegato dall'importanza di leggere le espressioni facciali dei bambini, per garantire il loro benessere, e quindi dalla costante attenzione che una madre presta al viso del suo bambino.

Un'altra differenza interessante è che l'ipotalamo, che è associato all'eccitazione sessuale, è coinvolto solo nell'amore romantico.
Le regioni comunemente attivate tra i due tipi di amore si trovano nello striato, parte del sistema di ricompensa del cervello umano. È anche vero che nell'amore materno, non meno che nell'amore romantico, il giudizio è in qualche modo sospeso, in quanto le madri sono molto più indulgenti con i loro figli e forse meno inclini a biasimarli. Ancora una volta, troviamo un modello di disattivazione corticale prodotta dall'amore materno che è notevolmente simile a quello prodotto dall'amore romantico e in particolare dalla corteccia frontale che è coinvolta nella formazione dei giudizi.

6. La Chimica dell'Amore

La fase di attrazione amorosa è sempre parallela alla fase della lussuria. È in questa fase ossessiva che si fantastica sulla persona amata e dove si presentano i tipici sintomi come “le farfalle nello stomaco", le mani sudate, l'insonnia e la mancanza di appetito. Si tratta di tipici sintomi della simpaticotonia. Verrebbe da dire che l'innamorarsi è avviare un programma SBS non conflittuale e tutti questi sintomi non sono dati dal fatto che piaccia qualcuno in particolare. Si tratta di reazioni chimiche alla cui base ci sono ormoni come: dopamina, norepinefrina e serotonina.

La chimica della lussuria

La lussuria o la libidine è direttamente connessa con il naturale bisogno di ogni essere vivente di riprodursi. Si tratta della componente più fisica ed è connotata dal forte desiderio di ingaggiare una relazione sessuale con un altro individuo. L'attrazione fisica è molto importante per la libidine e si tratta di un espediente naturale per la selezione genetica e contribuisce a ciò la seduzione, promuovendo la recettività sessuale. Gli ormoni sessuali primari sono responsabili della libido sia nel maschio (testosterone) che nella femmina (estrogeno).

La chimica dell'attaccamento

L'attaccamento dura più a lungo di tutte le fasi dell'amore, è il tratto più importante del "vero amore". L'impegno, l'amicizia, il senso di sicurezza, la fiducia e il desiderio di condividere la tua vita con qualcuno sono le principali caratteristiche dell'attaccamento.
Esistono anche ormoni la cui presenza è preziosa per il successo di una relazione a lungo termine.

7. Feromoni

Sono fattori chimici secreti od escreti, che inducono una risposta sociale tra i membri della stessa specie. Sono in grado di agire come gli ormoni ma all'esterno del corpo di chi li secerne, in modo da influenzare il comportamento degli individui riceventi. Ce ne sono di diversi tipi e sono impiegati da organismi monocellulari fino ai complessi organismi pluricellulari. In modo particolare sono usati dagli insetti, ma anche da piante.
I Feromoni sono anche definiti "ecto-ormoni" e sono trasportati all'esterno andando ad influenzare i neurocircuiti, compreso il sistema nervoso autonomo, attraverso ormoni, citochine, infiammazione, modificazioni al sistema immunitario dell'individuo recettivo.

Negli umani ci sono stati molti studi, ma hanno condotto a delle ipotesi discusse e da varie parti contestate.
Gli steroidi ascellari sono sostanze secrete nella pubertà da ghiandole apocrine (sudoripare), dalle ghiandole surrenali, dalle ovaie e dai testicoli. Le molecole rilasciate sono l'androstenolo, l'androstenone, l'androstadienolo, l'androsterone e l'androstadienone. La maggior parte dei risultati sugli effetti di questi steroidi indica che influenzano l'umore e aumentano la consapevolezza, piuttosto che agire come attrattivi. Tuttavia esperimenti a doppio cieco condotti da Cutler (1998) e McCoy e Pitino (2002), hanno mostrato la correlazione tra l'esposizione agli steroidi di cui sopra e l'attrazione sessuale.
Gli acidi alifatici vaginali, comunemente chiamati "copuline", sono segnalatori di ovulazione e disponibilità alla copula. Human females also produce these compounds in response to ovulation. However, it's unknown whether human males perceive them or whether the molecules serve an entirely different purpose.

8. Sick Love

I disturbi dell'Amore riconducono a quelle che il Dr. Hamer chiamava Costellazioni schizofreniche e ad esse mi riferisco.

Dipendenza affettiva

Sostenuta dalla Costellazione Ossessivo-Compulsiva, la cui conflittualità si basa su:

Le cui manifestazioni sono: la preoccupazione al non perdere la persona amata. Legame ossessivo e richieste continue di attenzioni che non sono mai sufficienti. Rapporto maniacale, costellato di controlli, correzioni, aspettative e richieste.

Gelosia

Sostenuta dalla Costellazione Fronto-Occipitale, che si raccoglie in un termine poco gentile, Paranoia.

Le cui manifestazioni sono: Ansia con paranoia. Mania di persecuzione e paura costante riguardo il futuro.

Amore violento

Sostenuta dalla Costellazione Aggressiva / Omicidiaria che si sostiene su:

Le cui manifestazioni sono: Attacchi di rabbia, di aggressività verso il partner e non solo.
→ Se il conflitto a sinistra è il più pesante, prevale il lobo destro ed il comportamento sarà dominato da: furia, violenza, abuso fisico e sadismo
→ Se il conflitto a destra è il più pesante, prevale il lobo sinistro e il comportamento è caratterizzato da: autoferimento, masochismo, autopunizione, rinunce.

Lussuria

Sostenuta dalla Costellazione Casanova che si basa su:

Le manifestazioni sono: Interesse molto pronunciato per le donne e il sesso.
• Se il conflitto a sinistra è il più pesante, approccia le donne direttamente, è tendenzialmente un esibizionista patologico.
• Se il conflitto a destra è il più pesante, appare introverso, malinconico, consuma pornografia e si masturba.

Ninfomania

Sostenuta dalla Costellazione Ninfomane che si basa su:

Le manifestazioni sono: un forte e diretto interesse per gli uomini. Mangiatrice d'uomini.
• Se il conflitto a sinistra è il più pesante è una ipersessuale, "disponibile" agli uomini, esibizionista.
• Se il conflitto a destra è il più pesante appare introversa, malinconica, consuma pornografia e si masturba, non cerca o non desidera il sesso

Amore suicidiario

Sostenuto dalla Costellazione Post-mortale che si basa su:

Pensa alla morte, prepara la sua tomba e la sua morte. La vita senza amore è inaffrontabile.
• Se il conflitto a destra è il più pesante immagina la processione funeraria, il tipo di partner con cui verrà rimpiazzato/a.
• Se il conflitto a sinistra è il più pesante, prevale relativamente l'emisfero destro e c'è pericolo di commettere suicidio, o una morte eroica o drammatica.

9. Amore patologico

L'amore patologico è caratterizzato dal comportamento ripetitivo e incontrollato a fornire cura e attenzione al partner con sentimenti di perdita di libertà. Il comportamento diventa una priorità per l'individuo a scapito di altri interessi precedentemente valutati.
Fin dall'antichità, gli autori in diverse aree della conoscenza hanno distinto tra ciò che è inteso come espressione di amore sano e amore malsano (patologico). Nel "The Banquet", si descriveva il vero amore come quello che libera gli esseri umani e li conduce a un "banchetto condiviso" e l'amore possessivo, caratterizzato dal bisogno dell'altro, come quello che lo insegue come oggetto da divorare.
Recentemente, alcuni autori hanno suggerito che l'amore patologico può manifestarsi come una condizione primaria che si verifica indipendentemente negli individui con bassa autostima e sentimenti di rifiuto, abbandono e rabbia, o possono essere associati a disturbi psichiatrici, in particolare depressione, ansia o disturbo ossessivo-compulsivo. Quando l'amore patologico è secondario alla sintomatologia psichiatrica, il mantenimento di relazioni tese e disturbate, nonostante provochi sofferenza, può fornire sollievo dai sintomi primari di depressione o ansia.

Studi hanno dimostrato che l'amore patologico è simile alle caratteristiche cliniche della dipendenza da alcol e altre droghe.
Sono stati proposti sei criteri per l'identificazione dell'amore patologico:
  1. segni e sintomi di astinenza - quando il partner non è disponibile (fisicamente o emotivamente) o minaccia l'abbandono, possono verificarsi insonnia, tachicardia, tensione muscolare e periodi alterni di letargia e attività intensa;
  2. il prendersi cura del partner è più intenso di quanto l'individuo vorrebbe che fosse - l'individuo di solito si lamenta di prendersi cura del partner o di preoccuparsene più del previsto;
  3. perdita di controllo sul comportamento - ci sono frequenti tentativi frustrati di ridurre o interrompere il legame malsano;
  4. viene speso molto tempo per controllare le attività del partner - tempo ed energia sono principalmente dedicati a pensieri e atteggiamenti volti a mantenere il partner sotto controllo;
  5. abbandono di attività sociali precedentemente intraprese - poiché l'individuo dà priorità agli interessi del partner, le proprie realizzazioni vengono messe da parte, come la cura dei bambini, la socializzazione con colleghi e parenti, lo sviluppo professionale, ecc .;
  6. mantenimento del legame patologico, nonostante i danni personali, familiari e professionali - pur consapevoli delle conseguenze dannose di tale condotta, l'individuo non è in grado di controllare il proprio comportamento.

"Come sarebbe bella la vita senza l'Amore,
tanto tranquilla
tanto sicura...
...
...tanto noiosa!"
Guglielmo da Baskerville

Commenta questa pagina su Attivazioni Biologiche
Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione Paypal