Salta il menu

Attivazioni Biologiche
5 Leggi Biologiche e non solo!

Il Dizionario*

Anisakiasi

Secondo la Medicina Ufficiale

L'Anisakiasi è una infestazione sostenuta da una larva di vermi del genere Anisakis ed altri generi relatici come lo Pseudoterranova.
L'infestazione è acquisita mangiando pesce di mare crudo o poco cotto; le larve penetrano nella mucosa del tratto gastrointestinale, causando disturbi.
L'Anisakis è un parassita che risiede nell'intestino dei mammiferi marini. Le uova, una volta espulse con le feci, diventano larve libere che vengono ingerite da pesci e molluschi; l'infezione umana è acquisita mediante l'ingestione di questi ospiti intermedi in uno stato di poca cottura o addirittura da crudi. Per questo l'infestazione è particolarmente comune in luoghi e culture in cui il pesce viene consumato crudo. Le larve penetrano nello stomaco e nell'intestino.

Manifestazioni cliniche nell'uomo

La maggioranza delle infestazione coinvolge stomaco e intestino. Il danno tissutale avviene per l'invasione della parete intestinale, per lo sviluppo di un granuloma eosinofilo e la perforazione. L'anisakiasi invasiva dello stomaco è caratterizzata da un improvviso dolore addominale, nausea, talvolta vomito o diarrea con segni di peritonismo. L'invasione dell'ileo si manifesta con dolore alla parte bassa del'addome e segni di occlusione. I sintomi possono durare da una ora a due settimane dopo la consumazione di pesce crudo o poco cotto e può persistere per mesi, raramente per anni. Se le larve perforano l'intestino, può avvenire una severa reazione eosinofila una o due settimane dopo l'infestazione, simulando il quadro clinico del Morbo di Crohn.

Manifestazioni allergiche acute, come orticaria ed anafilassi possono avvenire anche senza sintomi gastrointestinali. La frequenza dei sintomi allergici in connessione con l'ingestione di pesce ha portato alla nascita del concetto di anisakiasi gastroallergica, una reazione acuta generalizzata IgE-mediata.

Trasmissione

L'infestazione umana è il risultato della ingestione di pesce, crudo o poco cotto, contenente la larva al terzo stadio dell'Anisakis. Sushi, sashimi, ed altre ricette con pesce a scarsa cottura, sono considerate ad alto rischio infettivo. La preparazione di questi alimenti, spesso non prevede metodi di sterilizzazione per l'Anisakis.

Secondo le 5 Leggi Biologiche

Quanto segue è unicamente una teoria al riguardo dell'Anisakiasi ed ha necessità di verifica e studio. Si raccomanda di non tenere in conto quanto segue nel caso si sospetti una infestazione parassitaria.
Come sappiamo parassiti e microbi intervengono unicamente nella fase di riparazione di un SBS. Tenendo conto di questo...

Legenda delle sigle: CA = Conflitto Attivo; PCL = PostConflittoLisi; CE = Crisi Epilettoide; SB = Senso Biologico;

Riassunto : Home →→ Malattie → Anisakiasi
Utilità : Torna in alto
Aiuto | Info | Contatti
Sito web divulgativo, nessun diritto riservato.
I contenuti del sito sono di libero utilizzo
CSS3 | HTML 5
Guest blogging Italia